Economia

Regione Liguria, aperto il bando da 3 milioni di euro a sostegno della ricerca industriale

È aperto da oggi, lunedì 20 maggio, il bando da 3 milioni di euro di Regione Liguria a sostegno della ricerca industriale, dello sviluppo sperimentale e del trasferimento tecnologico delle imprese che rientrano all’interno dei 21 comuni dell’area di crisi industriale complessa del Savonese.

I progetti, per essere ritenuti ammissibili, devono avere un costo non inferiore ai 200 mila euro e potranno essere presentati fino al 5 giugno attraverso lo sportello “Bandi On Line” di Filse. Sono consentiti interventi per: spese del personale (al max 70%); costi relativi a strumentazione e attrezzature; costi per la ricerca contrattuale, le conoscenze e i brevetti (al max 40%); altri costi d’esercizio (es: materiali, forniture); spese generali.

La misura, rientrante nell’azione 1.1.1 del PR FESR 2021-2027, consente alle piccole, medie e grandi imprese in forma singola o associata (costituite in ATS) di richiedere agevolazioni a fondo perduto fino a un massimo di 750 mila euro.

Un’opportunità per la crescita economica e occupazionale, visto che, in fase di istruttoria, verrà riconosciuto il criterio di premialità maggiore al numero di assunzioni a tempo pieno e indeterminato – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana -. Si tratta della prima misura che ci vedrà attivare complessivamente sull’Area di Crisi Industriale Complessa del Savonese 20 milioni di euro regionali, a valere sulla programmazione PR Fesr 2021-2027“.

I comuni riconosciuti all’interno dell’area di crisi industriali complessa del Savonese sono: Altare, Bardineto, Bormida, Cairo Montenotte, Calizzano, Carcare, Cengio, Cosseria, Dego, Giusvalla, Mallare, Millesimo, Murialdo, Osiglia, Pallare, Piana Crixia, Plodio, Quiliano, Roccavignale, Vado Ligure, Villanova d’Albenga.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *