Curiosità

Zanzare, buone pratiche per prevenirne la proliferazione

Dopo i due recenti casi di febbre Dengue (un tipo di arbovirosi) diagnosticati a Genova su viaggiatori di ritorno dall’estero e con l’approssimarsi della stagione favorevole alla proliferazione di zanzare, l’Ufficio Animali del Comune di Genova – in attesa della specifica campagna di comunicazione attuata da Regione Liguria nell’ambito del Piano regionale di prevenzione – raccomanda buone pratiche universali e comportamenti quotidiani che ogni cittadino può e dovrebbe attuare.
Si consiglia innanzitutto di eliminare qualsiasi ristagno d’acqua e adottare misure di prevenzione individuale a protezione dalle punture delle zanzare. Nel caso della cura degli orti le raccolte d’acqua devono essere chiuse ermeticamente o protette da zanzariere. Utilizzare con moderazione repellenti cutanei da spruzzare o spalmare sulle parti scoperte del corpo; indossare quando si è all’aperto, soprattutto al tramonto e sino all’alba, indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo (camicie a maniche lunghe, pantaloni o gonne lunghi e calze); applicare e tenere attive, ove possibile, le zanzariere alle finestre e alle porte di ingresso. In caso di presenza di questi insetti in ambienti interni, utilizzare i normali dispositivi anti-zanzare.
«Nessun allarmismo, ma l’attuazione di semplici e corretti comportamenti attuabili da ciascun cittadino rappresentano gli elementi essenziali per un’efficace opera preventiva di proliferazione delle zanzare – spiega l’assessore comunale agli Animali -. Per quanto riguarda l’eventuale, seppur rarissima, presenza di zanzare che possano diffondere virus patogeni, il Comune di Genova sta continuando a svolgere approfonditi sopralluoghi per verificare l’esistenza di focolai larvali ed attuare i necessari interventi di rimozione e disinfestazione».
Il Comune di Genova, in collaborazione con Regione Liguria, ALISA, ASL 3 e Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, partecipa attivamente al Piano Nazionale di Prevenzione, Sorveglianza e Risposta alle Arbovirosi (PNA), elaborato dal Ministero della Salute per monitorare la presenza di virus trasmessi da vettori artropodi, come ad esempio le zanzare.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *