Cultura e Spettacoli Finale Ligure

Finale Ligure, il Villaggio di Natale si rivolge con particolare attenzione al segmento family

“Credo – spiega Elena Granaiola dal Villaggio di GiuEle – che far provare direttamente il prodotto turistico, nel nostro caso il Villaggio di Natale, e la relativa destinazione sia una modalità vincente di promozione.

L’iniziativa si inserisce all’interno delle attività di comunicazione del Natale di GiuEle (www.ilnataledigiuele.it), con l’obiettivo di far conoscere l’offerta natalizia del Villaggio e di Finale Ligure a un pubblico nazionale sempre più vasto, con particolare attenzione al segmento family, verso il quale il prodotto si rivolge.

Oltre ai Pozzoli’s Family – che a causa della tournee in corso nei teatri italiani non hanno potuto essere presenti, ma che hanno comunque voluto lasciare un messaggio sul Villaggio di GiuEle e su Finalborgo al quasi milione di follower delle loro pagine social – sono stati presenti alla tre giorni: Bambini con la Valigia, Bimbi e Viaggi e Crinviaggio.

“Credo – spiega Elena Granaiola dal Villaggio di GiuEle – che far provare direttamente il prodotto turistico, nel nostro caso il Villaggio di Natale, e la relativa destinazione sia una modalità vincente di promozione. Sempre più ampie fasce di pubblico si affidano ai consigli di viaggio che vengono forniti in rete. È importante ingaggiare professionisti qualificati per i vari cluster di target e i vari segmenti di offerta in modo da aprire una relazione trasparente e duratura con le proprie audience di riferimento”.

Venerdì sera, dopo l’aperitivo, gli influencer sono stati accolti al Villaggio di GiuEle per la Cena con Babbo Natale. La mattina di sabato è stata dedicata alla scoperta della passeggiata e del budello di Finalmarina con una degustazione di focacce della Panetteria Pippo. Nel pomeriggio, invece, le tre famiglie sono rimaste al Villaggio di Natale a provare tutte le varie attività e attrazioni offerte: l’area del Magic Land; i Mercatini negli chalet in legno; lo Spettacolo La Magia del Tempo; il Villaggio degli Elfi e tutte le altre esperienze proposte. La domenica è stata invece dedicata interamente alla visita e alla scoperta di Finalborgo: il Museo Archeologico con i relativi laboratori, dove le famiglie si sono cimentate, seguite dall’esperta guida archeologa, nella preparazione di unguenti profumati come in epoca romana; quel gioiello appena rstaurato che è il Teatro Aicardi – sorto nell’anno 1800 è il più antico teatro ligure; e le vie e attività commerciali del Borgo. Dopo il pranzo presso la location storica di Ca di Nì si è proseguito con la visita al Forte di san Giovanni da dove si è potuto ammirare il panorama delle valli finalesi, per concludere la giornata con le squisite degustazioni di Cioccolato a Palazzo, ormai storica manifestazione del dicembre finalese, ospitata nel magico complesso dei Chiostri di Santa Caterina di Finalborgo.

“La tre giorni – racconta Federico Alberto di Studiowiki – ha sicuramente riscosso ampio successo: lo si può vedere dalla qualità e quantità di storie e post – sia Facebook, sia Instagram – che Giulia, Milena e Cristina, questi i nomi delle tre mamme influencer, hanno postato. Dobbiamo registrare con soddisfazione i complimenti per l’organizzazione e per la qualità delle esperienze che Finale Ligure ha offerto in questa vincente sinergia pubblico-privata”.

Che il mercato turistico abbia subito negli ultimi venti anni una svolta che possiamo definire epocale è ormai sotto gli occhi di tutti. Il digitale ha stravolto le modalità di scelta, prenotazione e fruizione dell’esperienza turistica nel suo complesso: prima, durante e dopo la vacanza. Di conseguenza anche l’intera filiera di offerta dei servizi al turista è cambiata e si è evoluta adattandosi alle nuove esigenze della domanda. Dalle O.T.A. agli operatori sulle destinazioni, il mercato è ormai completamente integrato.

Aggiunge l’Assessore al turismo, del Comune di Finale Ligure e Cultura Claudio Casanova: “lo scopo di questi tour è  rinforzare il nostro posizionamento sul target family, che insieme all’outdoor rappresenta  la nicchia di mercato più ambita e ricercata per l’offerta balneare. Siamo molto contenti che gli influencer siano rimasti soddisfatti e che il territorio sia stato consono alle loro aspettative”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *