Attualità

Da oggi è possibile consumare la carne dei cinghiali abbattuti nelle zone di contrasto alla peste suina africana

Da oggi, 18 maggio, è possibile consumare le carni, a livello domestico e privato, dei cinghiali abbattuti in azioni di depopolamento all’interno delle zone di restrizione individuate per il contenimento e il contrasto della peste suina africana.

La Giunta regionale ha infatti approvato una apposita delibera, contenente tutte le indicazioni: tra queste, ovviamente è previsto che il consumo sia possibile solo nel caso in cui la cattura sia avvenuta in un territorio in cui non siano stati individuati casi positivi da almeno tre mesi e, come da disposizioni nazionali stabilite dall’ordinanza del Commissario il contrasto alla PSA, solo in caso che il test della malattia sull’animale sia negativo.

“L’aspetto più rilevante dell’apertura all’autoconsumo nelle zone di restrizione II coincidente con l’etica venatoria – dice il presidente ad interim con delega all’Agricoltura – pone le premesse per il continuo coinvolgimento dei cacciatori nell’attività di depopolamento. Ricordo, tra i fattori positivi di questo provvedimento, l’utilizzo a tappeto dei controlli sanitari oltre a un risparmio per l’amministrazione, visti gli alti costi di smaltimento delle carcasse. Ricordo che la PSA non è pericolosa per l’uomo, per cui distruggere carni sane, negative ai controlli sanitari era doppiamente oneroso sia sul profilo contabile che, come già detto, per l’etica venatoria. Nelle prossime settimane saremo in grado di apprezzare la risposta del mondo venatorio al nuovo quadro normativo di riferimento”.

“Questo provvedimento, in linea con le indicazioni di salute umana e veterinaria, – aggiunge l’assessore alla Sanità – recepisce l’ordinanza del commissario straordinario alla peste suina africana”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *