Attualità Laigueglia

Laigueglia, l’ex asilo “Guardone” trasformato in un Museo del Mare e SeaLab

Un Museo diffuso dedicato al Mare e al borgo con un centro “SeaLab” dove
poter svolgere studi, approfondimenti e anche incontri con
professionisti ed esperti del mare. E’ un cantiere aperto l’ex asilo
Guardone dove si lavora alacremente per la ristrutturazione completa
dell’immobile. Un progetto che nonostante le importanti rielaborazioni
portate a termine nel da questa Amministrazione Comunale dovrebbe essere
completato nel 2025 e che rappresenta uno degli obiettivi posti. L’ex
asilo Guardone è situato in via Preve a pochi passi dalla caserma dei
carabinieri, nel cuore del centro storico del borgo.
Come nasce questo progetto lo spiega bene Andrea Zancanaro, vicesindaco
di Laigueglia: «La nostra volontà è quella di accogliere il turista
offrendogli nuovi stimoli e occasioni di svago: non solo mare, ma anche
cultura e tradizioni locali. Ecco allora che abbiamo pensato di
realizzare uno spazio multimediale in grado di raccontare la storia del
borgo marinaro in modo accattivante. Un progetto che ovviamente nasce
dalla volontà di recuperare anche immobili da tempo in abbandono». Un
intervento importante che prevede una riqualificazione sismica
complessiva dell’edificio e dare vita quindi al Museo del Mare. Diversi
i gioielli che saranno esposti nell’ex asilo Guardone. «Abbiamo un
patrimonio interessante da esporre a cominciare dai relitti affondati
che raccontano la storia dei corallini che rappresentano il fulcro di
una storia millenaria, ma è nostra intenzione anche quella di raccontare
gli aspetti enogastronomici del nostro territorio», aggiunge il
vicesindaco.
L’edificio si affaccerà sul giardino rialzato che ospiterà un “orto
robotico”, altra interessante iniziativa. «L’idea è quella di continuare
a sostenere le attività agricole del territorio che potremmo definire
“eroiche” con l’utilizzo della tecnologia», sottolinea il vicesindaco.
Il progetto è finanziato con i fondi del bando dei Borghi Pnrr e sarà
ultimato il prossimo anno: 1,6 milioni di euro è il costo complessivo
dell’opera che si sviluppa sul territorio anche fuori dall’ex asilo.
Prevista anche una foresteria legata al SeaLab e un ampio terrazzo che
potrà essere utilizzato anche ad attività didattiche, uno spazio per il
coworking ed una sala immersiva.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *