Arenzano Politica Varazze

Bozzano (Cambiamo!): “Il Nuovo treno Milano-Nizza deve fermare anche a Varazze e Arenzano”

“Ancora una volta il Levante Savonese si vede tagliato fuori da quella che potrebbe essere una buona occasione per incentivare il flusso turistico milanese. Presto sarà infatti istituito un nuovo treno veloce che collegherà la città di Milano a Nizza, con diverse fermate previste in Liguria. Con grande stupore ho appreso che la lista delle stazioni interessate dal nuovo servizio non comprende neppure una fermata nel Levante Savonese o nell’estremo Ponente Genovese. Ho quindi chiesto a Regione Liguria, con un Ordine del Giorno presentato per la discussione in Consiglio regionale, di intervenire per far inserire tra le fermate previste del nuovo treno veloce quelle di Varazze e Arenzano”, cosi commenta il consigliere regionale di “Cambiamo!” Alessandro Bozzano.

“Il nuovo treno veloce sulla direttrice ferroviaria Milano-Nizza, che sarà istituito da TGV facente parte della società SVI-SNCF Voyages, filiale italiana delle ferrovie francesi, partirà dall’estate 2023 o al più tardi alla fine dello stesso anno. Ad oggi le fermate previste sono: Montecarlo, Ventimiglia, Sanremo, Imperia, Diano, Alassio, Albenga, Finale, Savona, Genova Principe, Pavia e Milano Rogoredo”.

“Il servizio di nuova istituzione abbraccerà quindi tutte le città importanti del Ponente Ligure, senza alcuna fermata prevista nel Levante Savonese, come ad esempio Varazze, emarginando tutta un’area di grande importanza per i flussi turistici, un territorio che inoltre ha a gran voce richiesto il ripristino di un servizio veloce come esisteva una volta. Ciò porterà ad ulteriori disequilibri sul territorio ligure, a scapito del Levante Savonese già nel tempo eccessivamente penalizzato da scelte le cui ricadute negative sono palpabili”, aggiunge.

“Per questo motivo ho chiesto al nostro presidente Giovanni Toti di intervenire affinché possano essere riviste le fermate del nuovo treno veloce, ricomprendendo la stazione di Varazze e quella di Arenzano”, conclude Bozzano.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *