Attualità La Spezia e provincia

La Spezia, al via il progetto di reinserimento dei detenuti in attività di manutenzione del verde

Dopo la sigla del Protocollo con la Casa Circondariale, hanno preso avvio le attività per lo svolgimento di lavori di pubblica utilità dei detenuti in favore della Comunità Locale. Hanno presentato il progetto il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini, Patrizia Saccone, Assessore al Lavoro e allo Sviluppo Economico del Comune della Spezia, Maria Cristina Bigi, Casa Circondariale della Spezia, Don Luca e Giovanni Pontali, Caritas, Maurizio Mezzani e Paolo Clemente, Isforcoop.

Le attività si inseriscono all’interno di due progetti, a cui ha aderito il Comune della Spezia, promossi da Isfocoop e dall’Associazione Mondo nuovo Caritas.

Il primo progetto “LA CITTA’ SVELATA- ABILITA’ AL PLURALE 2’’, è diretto a favorire l’inserimento socio lavorativo di soggetti a rischio di emarginazione sociale attraverso la valorizzazione della rete pubblico-privato in tema di inclusione. L’operazione, avviata nel mese di ottobre 2021, prevedeva la presa in carico attraverso corsi di formazione, tirocini e percorsi di inclusione socio lavorativa (ex borsa lavoro), di oltre 120 persone ad alto rischio di emarginazione.

Il secondo progetto, “IntegrAzioni Starting Over”, rappresenta la continuazione di un percorso progettuale avviatosi 6 anni fa e che ha visto lo svilupparsi di numerose collaborazioni con le Istituzioni pubbliche del territorio e con diverse aziende disponibili a promuovere percorsi di inserimento lavorativo di soggetti fragili. Grazie al contributo di Fondazione Carispezia, nel corso di questi ultimi anni sono stati realizzati oltre 200 percorsi di inclusione socio lavorativa con più di 60 persone che grazie a questi percorsi hanno trovato un’occupazione stabile o hanno concluso percorsi formativi professionalizzanti.

Il progetto con il carcere si inserisce all’interno dei percorsi di inserimento lavorativo promossi dal partenariato locale con “La città svelata – abilità al plurale 2” e “Integrazioni Staring Over”, con il supporto di un contributo specifico previsto dal Comune della Spezia in continuità con la positiva esperienza avviata negli ultimi anni.

Si tratta di un programma di sostegno e di azioni volte al reinserimento lavorativo di detenuti in attività di manutenzione del verde nel Comune della Spezia attraverso cooperative sociali, con l’obiettivo di perseguire un fine rieducativo della pena. Queste attività infatti promuovono il reinserimento sociale del detenuto, soprattutto quando il lavoro è extra-murario come in questo caso, ovvero si svolge al di fuori dell’istituto di pena.

Attraverso questi inserimenti per i detenuti è prevista la partecipazione a percorsi di formazione in aula e in situazione con lo scopo di professionalizzarli in questo ambito lavorativo che negli ultimi anni ha rappresentato un ottimo bacino occupazionale.

Nell’ambito di questo percorso condiviso con Fondazione Carispezia, Comune della Spezia, Mondo Nuovo Caritas, ISFORCOOP e Casa Circondariale sono già stati avviati i primi interventi di cura del verde pubblico che proseguiranno nei prossimi mesi in aree significative del territorio comunale.

Le prime attività realizzate hanno riguardato in particolare interventi ordinari di manutenzione quali decespugliamenti, taglio erba e riduzione siepi lungo la viabilità ordinaria: al Canaletto, nell’area della Maggiolina, a Fossitermi, nella frazione di Cadimare, a Rebocco e al Favaro.

 

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *