Economia Genova In Primo Piano

Genova, presentato alla Camera di Commercio il Libro bianco delle infrastrutture indispensabili al territorio

Sono 6 le infrastrutture di cui ha bisogno la Liguria. Se ne è parlato questa mattina a Genova all’evento, intitolato “Le priorità infrastrutturali per il sistema economico in Liguria”, iniziative che si inserisce nell’iniziativa “Il sistema camerale per lo sviluppo infrastrutturale e la ripresa dell’economia ligure” nell’ambito del Programma Infrastrutture del Fondo Perequativo 2019-2020 di Unioncamere. Il progetto si è posto come obiettivo lo svolgimenti un ruolo di stimolo e raccordo, fornendo ai Governi centrali e locali un contributo per un migliore intervento sulle infrastrutture, attivare azioni di monitoraggio sui territori per lo sviluppo della logistica, supportare una più efficace pianificazione ed una veloce realizzazione degli interventi infrastrutturali ed infine promuovere le infrastrutture digitali, necessarie per rimettere in gioco le aree economiche e sociali più svantaggiate. Tra quelle indifferibili al primo posto c’è la Gronda, seguita dal completamento del raddoppio ferroviario della Genova-Ventimiglia nella tratta Andora-Finale ligure, il potenziamento delle linee merci Savona-Torino e Savona Alessandria, la bretella Carcare-Predosa, il completamento della linea ferroviaria Pontremolese e la nuova diga del porto di Genova.
Tra quelle con priorità 2 e 3 ci sono: il completamento dei lavori del Terzo Valico dei Giovi, la riqualificazione della linea Cuneo-Limone-Ventimiglia, la linea ferroviaria Novi Ligure-Tortona all’autoparco del porto di Genova, dagli interventi sulla variante SS1 Aurelia bis, il tunnel della Val Fontanabuona, la variante Armo-Cantanara, la revisione del tracciato della A7 nella tratta Milano-Genova all’adeguamento della statale 28 nell’abitato di Imperia-Aurelia bis e la tangenziale Sanremo-Aurelia bis.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *