Pietra Ligure Politica

Comitato “Nascere a Pietra”: “Date riapertura punto nascite ancora disattese”

“Venerdì scorso una delegazione del Comitato ‘Nascere a Pietra’ ha incontrato il direttore della Asl 2 Damonte Prioli per ricevere aggiornamenti circa la possibile riapertura del punto nascite di Pietra. Dal colloquio intercorso è, purtroppo, emerso che le date prospettate dall’assessore regionale alla Sanità, nonchè presidente Toti, saranno di nuovo disattese, in quanto la ricostituzione del personale medico che dovrà ricomporre il reparto non avverrà prima della fine dell’anno (salvo complicazioni) con conseguente riapertura del punto nascite non prima dell’inizio del 2023”. Lo  ha reso noto il Comitato “Nascere a Pietra”, istituto per chiedere la riapertura del Punto Nascite all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.

“Quindi non ‘entro l’estate’ come da lui stesso annunciato in occasione di un apposito consiglio comunale presso Pietra Ligure – proseguono dal Comitato – Prendiamo atto di quanto affermato dal Direttore, in particolare monitoreremo il dichiarato impegno per riaprire il Punto Nascite ‘in sicurezza’, ovvero con personale adeguatamente formato e preparato (col supporto di 2 ginecologi ‘storici’ che ritarderanno ad andare in pensione proprio per permettere la riapertura e fornire quel quid in più di esperienza, utile al personale appositamente assunto) come peraltro previsto dal Piano Socio Sanitario, senza quindi avere la necessità di chiudere o depotenziare il punto nascite di Savona, in questi mesi sovraccaricato dai pazienti provenienti dal ponente savonese”.

“La (possibile) riapertura avverrebbe anche grazie ad apposita convenzione con l’Università, la quale fornirà laureandi, ridando quindi slancio al reparto. Ciò che ci lascia perplessi sono i ‘se tutto va bene’ ed i ‘se non ci sono intoppi’, situazioni che potrebbero far slittare ulteriormente la riapertura. Per questo motivo, se necessario, siamo pronti ad organizzare una seconda manifestazione, in concomitanza col raggiungimento dei 2 anni di ‘chiusura temporanea’, nel caso i tempi si dovessero dilatare ulteriormente, al fine di poter ribadire con forza la necessità, da parte di questo territorio, di poter avere nuovamente un Punto Nascite operativo ed efficiente, degno di un Dea II livello quale è il Santa Corona, atto a garantire la sicurezza delle partorienti” concludono infine dal Comitato “Nascere a Pietra”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *