Politica Savona

TPL Linea, le RSU: “I lavoratori sostengono la necessità di mantenere la funzionalità del servizio adottando le iniziative necessarie”

“La rappresentanza dei Lavoratori di Tpl Linea ha incontrato lo scorso 3 gennaio la direzione aziendale e lo scorso 11 gennaio il comune di Savona, uno dei soci di maggioranza dell’azienda” si legge nella nota diramata dalla RSU Tpl Linea.

“Nel confronto articolato due ordini di problemi, il primo riguardante il futuro del trasporto pubblico locale dove le parti hanno condiviso la volontà di proseguire sul mantenimento pubblico della gestione del Tpl nella provincia di Savona, il secondo sulle problematiche organizzative lamentate dai Lavoratori, dove le risposte alle richieste della RSU sono rimaste senza soluzione” prosegue.

“La RSU nel confronto con la direzione aziendale ha posto la necessità di: -ristabilire sostenibili livelli occupazionali per gli autisti, i meccanici i lavatori, attraverso la creazione di graduatorie gestite con criteri di trasparenza; – utilizzo dei autobus da noleggio di Tpl Linea attualmente non utilizzati per il trasporto scolastico invece di ricorrere al noleggio presso aziende private; – la necessità di indispensabili investimenti nei ricambi per gli autobus per il ripristino di corrette condizioni di funzionamento e sicurezza, per un parco autobus in gran parte con più di 15 anni di servizio; – la dotazione del personale per il lavaggio e la sanificazione degli autobus degli strumenti adatti per al lavoro; – la cessazione dell’assunzione di personale già in pensione”.

“I lavoratori sostengono la necessità di mantenere la funzionalità del servizio adottando le iniziative necessarie in parte sostenute dai finanziamenti predisposti da Regione e Governo, facendo la propria parte ma senza mettere in discussione oltre modo le condizioni di lavoro e di sicurezza che devono rimanere sostenibili. La RSU si confronterà con i lavoratori nelle assemblee organizzate nelle officine il 12, 13 e 19 gennaio e venerdì 14 gennaio in videoconferenza per i 314 gli autisti” conclude la RSU.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.