Attualità

Coronavirus, Bassetti: “Preoccupato per il panico e la paura che viene alimentata da alcune dichiarazioni di membri del Cts insieme al catastrofismo di taluni giornali e televisioni”

“Sono molto preoccupato. Non per i dati sul Covid e sulla variante omicron, ma per il panico e la paura che viene alimentata da alcune dichiarazioni di membri del Cts, insieme al noto catastrofismo italico di taluni giornali e televisioni”. Lo ha dichiarato Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie Infettive del San Martino di Genova. “Oggi il virus della paura e del panico rischia di fare molti più danni del Covid stesso. Se fosse vero che si vogliono fare i tamponi per andare al cinema o allo stadio anche a chi ha ricevuto tre dosi di vaccino sarei in totale e assoluto disaccordo perché i vaccini hanno dimostrato e continuano a dimostrare che sono in grado di evitare le forme più gravi di malattia. E quindi funzionano eccome. Non “funzionicchiano” come qualcuno (sbagliando) aveva affermato. Le forme gravi sono uniche che ci interessano evitare. Se ti viene il raffreddore o l’influenza non succede niente. Se ti viene la polmonite la storia cambia”, ha proseguito.
“È chiaro questo concetto? Mi pare di no, anche per alcuni eminenti esponenti della medicina italiana. Basta parlare di lockdown e nuove restrizioni nella settimana del Natale. Basta!!! Ci vuole calma e coraggio, non panico ne’ catastrofismo.
Per la omicron gli ultimi dati ci dicono che il booster funziona benissimo (sia di Pfizer che di Moderna) e la letalità in Sud-Africa e’ ferma allo 0.25%. Era tra il 2 e il 4% nelle ondate precedenti. Aspettiamo per dare conclusioni certe sulla gravità, ma evitiamo di continuare a spargere terrore basandoci su stime e modelli matematici che spesso in passato si sono rivelati inaffidabili”, ha concluso.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *