104 News

Crisi Rivieracqua, Leda Volpi (M5S): “L’acqua è un bene primario e un diritto universale. Non può e non deve essere oggetto di lucro”

La situazione disastrosa in cui versa Rivieracqua ha dei responsabili che auspico siano individuati e puniti e in ogni caso non deve essere messo in discussione il principio dell’acqua come bene pubblico

La deputata Leda Volpi (M5S) dichiara relativamente alle recenti decisioni dei sindaci dell’ambito territoriale imperiese sulla crisi di Rivieracqua. “L’acqua è un bene primario e un diritto universale. Non può e non deve essere oggetto di lucro. La decisione, di una maggioranza ‘ristretta’ dei sindaci dell’ambito imperiese, di permettere l’ingresso in Rivieracqua di soci privati sino al 49% del capitale va contro la volontà dei cittadini, che si sono espressi nel Referendum del 2011 con una schiacciante maggioranza“.

La situazione disastrosa in cui versa Rivieracqua ha dei responsabili che auspico siano individuati e puniti e in ogni caso non deve essere messo in discussione il principio dell’acqua come bene pubblico nella gestione del servizio idrico integrato occorre tutelare esclusivamente gli interessi dei cittadini, azzerando gli sprechi e promuovendo un’amministrazione virtuosa. I privati invece hanno interessi diversi perché perseguono finalità di lucro e i dati parlano chiaro: nel periodo 2010-2016 le quattro principali multiutility del Paese (Iren, A2a, Hera e Acea) hanno distribuito ai loro azionisti 2 miliardi e 983 milioni di dividendi. Il reddito prodotto dalla gestione è passato, nello stesso lasso di tempo, dal 17,4% al 24,6% e di tutti questi utili ben il 91% è andato agli azionisti in dividendi. Mentre le tasche dei gestori privati si gonfiavano, gli investimenti calavano dal 58% del 2010 al 40% sei anni dopo. Il privato ha poco interesse nell’investimento a lungo termine“.

Mi duole il fatto che il caos derivante dalle incapacità nell’amministrazione dell’acqua nell’imperiese produrrà notevoli rincari che pagheremo noi cittadini

La prima stella del simbolo del MoVimento 5 Stelle rappresenta proprio l’acqua pubblica e in Parlamento è in corso l’iter della nostra legge che si prefigge l’obiettivo di favorire la definizione di un governo pubblico e partecipativo del ciclo integrato dell’acqua, in grado di garantirne uso sostenibile  e  solidale,  nel  quadro  delle  politiche  complessive  di  tutela  e  di  gestione del  territorio, senza finalità lucrative. Proprio in questo momento storico in cui le conseguenze della privatizzazione dei beni pubblici – vedi autostrade- stanno emergendo anche con risvolti pesanti e drammatici tanto da indurre il governo a pensare a scelte di rinazionalizzazione, appare folle questa scelta di alcuni sindaci della provincia di Imperia di andare nella direzione opposta“.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi