Cairo, sospensione prescrizioni ambientali Italiana Coke: la minoranza chiede spiegazioni al Sindaco

Nonostante l’importanza dell’argomento, il consiglio comunale non è mai stato informato di tale decisione, né delle reali motivazioni della stessa”. 

I consiglieri di minoranza interrogano il Sindaco Paolo Lambertini circa la decisione di sospendere le prescrizioni ambientali previste dal provvedimento AIA in attesa che il TAR si pronunci sul ricorso conteo le stesse presentate dall’azienda

“Il presidente dell’ente provinciale, Pierangelo Olivieri, ha dichiarato che la ragione della sospensione sarebbe ‘un accordo che prevede la sospensione in autotutela in attesa della sentenza del Tar e ‘un escamotage per accelerare i tempi. Nonostante l’importanza dell’argomento, il consiglio comunale non è mai stato informato di tale decisione, né delle reali motivazioni della stessa”. 

“La decisione della Provincia di Savona di sospendere le prescrizioni di tutela ambientale inserite solo due mesi fa nell’autorizzazione integrata ambientale rilasciata a Italiana Coke ci lascia a dir poco stupiti. Cos’è cambiato nel frattempo, a parte il fatto che l’azienda, com’è suo diritto, ha fatto ricorso al Tar? E ora quale tutela ci sarà per l’ambiente e la salute dei lavoratori e degli abitanti di Cairo e della Val Bormida? Ci chiediamo quali siano le reali ragioni di questa decisione, se il sindaco di Cairo e la sua giunta ne fossero a conoscenza e come mai i consiglieri comunali non siano stati informati”.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi