Politica

Decreto 65/2017 su asili nido. Pastorino dalla parte delle studentesse di Scienze dell'Educazione

Genova. Stamane il capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino ha partecipato al presidio organizzato dalle studentesse e dagli studenti di Scienze dell’Educazione dell’Università di Genova, che chiedono soluzioni immediate rispetto alle problematiche create dal Decreto 65/2017.
«Stiamo parlando di un danno enorme – dichiara Pastorino – per tutte quelle laureande e laureate, perché non va dimenticato che Scienze della Formazione è a schiacciante maggioranza femminile, che si vedono impedito l’ingresso nel mondo del lavoro e che probabilmente si sono iscritte a questa facoltà proprio con l’obiettivo di entrare negli asili nido».
Si stima che siano circa cinquantamila gli studenti e le studentesse le cui possibilità di lavoro negli asili nido sono sfumate a causa della retroattività del Decreto legislativo (65/2017) che prevede che solo i laureati entro maggio 2017 nel corso L19 specifico potranno essere educatori negli asili nido a partire dall’anno scolastico 2019/2020.
«Corso specifico che attualmente non esiste nella maggior parte delle Facoltà italiane – specifica Pastorino – e per cui il MIUR non ha nemmeno fornito i requisiti minimi, lasciando le Università sprovviste delle linee guida che permettano di adeguarsi agli standard richiesti. In questo modo il decreto esclude di fatto migliaia di studenti e studentesse che hanno già intrapreso il percorso di Scienze dell’Educazione dalla possibilità di lavorare negli asili nido».
«Inoltre, per aggiungere al danno la beffa – prosegue Pastorino – stanno già uscendo bandi di concorso pubblico per educatori al nido che vedono già applicate le direttive del Decreto, e che risultano quindi contraddittori con la normativa attuale. In Liguria si è già verificato uno spiacevole caso a Imperia, rendendo ancora più urgente la richiesta che la norma non sia retroattiva e che l’indirizzo specifico sia richiesto solo per chi si immatricolerà a partire dall’anno scolastico 2018/2019».

Informazioni sull'autore del post