Cronaca Savona

Truffe agli anziani, un arresto e sei denunce da parte dei Carabinieri in Provincia di Savona

Lo scorso martedì mattina un malvivente è riuscito a farsi consegnare da una vittima – un 82enne di Finale Ligure – una busta piena di gioielli, oro e soldi in contanti. A finire nei guai in questo caso è stato un 21enne di origini campane, rintracciato e arrestato dai carabinieri di Finale subito dopo il fatto. L’episodio risale al pomeriggio di martedì scorso, quando, secondo quello che ormai è divenuto uno dei copioni purtroppo frequenti, un uomo ha contattato al telefono l’anziano fingendosi un carabiniere e chiedendo soldi per evitare che il figlio, asseritamente colpevole di aver investito con la propria auto una donna procurandogli gravi lesioni, finisse nei guai. Poco dopo la telefonata a casa dell’82enne si è presentato il fantomatico carabiniere, ovviamente in borghese, a cui l’uomo ha consegnato la pretesa “cauzione”, un sacchetto pieno di gioielli, oro e contanti. Fortunatamente subito dopo aver consegnato la busta, l’anziano è sceso in strada dove ha incontrato una pattuglia della locale Stazione carabinieri, alla quale ha raccontato l’accaduto, specificando ai militari di aver appena consegnato denaro e preziosi a un uomo che si era qualificato come un carabiniere in borghese, allontanatosi poi a bordo di un taxi. I militari, acquisita la prima notizia, dopo aver diramato le ricerche a tutte le pattuglie sul territorio, si sono posti immediatamente alla ricerca del taxi, rintracciandolo dopo pochi minuti all’altezza dello svincolo per il comune di Calice Ligure, arrestando il presunto truffatore. L’arrestato, infatti, è stato trovato in possesso di tutta la refurtiva appena sottratta all’anziano e, al termine delle formalità di rito, su disposizione della locale Autorità Giudiziaria, è stato associato alla casa circondariale di Genova Marassi.

Le indagini dei carabinieri proseguono per fare luce anche su un analogo episodio di tentata truffa avvenuta nella stessa mattinata sempre a Finale Ligure; in questo caso il reato non si è consumato grazie all’intervento dei carabinieri che sono accorsi sul posto, tempestivamente allertati dalle due vittime.

La settimana scorsa, invece, i Carabinieri di Alassio, a conclusione di una articolata attività d’indagine, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Savona un 31enne napoletano che lo scorso mese di febbraio, utilizzando la tecnica del falso incidente stradale ad un familiare, è riuscito a sottrarre la somma di 4.000 euro in contanti ad una 87enne di Garlenda. Anche in questa circostanza una complice “telefonista” ha fatto credere alla malcapitata vittima che la nipote aveva causato un grave incidente stradale e che solo il pagamento di una somma di denaro prontamente reperibile come cauzione ne avrebbe evitato l’arresto. Poco dopo aver terminato la telefonata, bussava alla porta della vittima il complice 31enne che, presentandosi come il carabiniere incaricato di prelevare la cauzione, si è fatto consegnare i 4.000 euro in contanti, beni che la donna teneva in casa per le emergenze, allontanandosi rapidamente dal luogo.

Nei primi giorni di giugno, invece, i Carabinieri di Loano hanno denunciato sempre alla Procura della Repubblica di Savona un 23enne campano ed una 24enne siciliana, indagati di aver truffato un 81enne di Boissano. La vicenda risale al mese di settembre del 2023, quando l’ignara vittima ha ricevuto un messaggio telefonico da quello che sosteneva essere il figlio, che la informava di aver rotto il proprio cellulare e che la contattava con il telefonino di un conoscente per chiedergli l’invio di una somma di denaro affinché potesse acquistare un nuovo smartphone. Da quel momento l’anziano, confuso per l’agitazione, ha ricevuto tutta una serie di messaggi con i quali i malviventi gli hanno indicato di recarsi presso la più vicina tabaccheria ed effettuare una ricarica su una carta prepagata, sulla quale, seguendo pedissequamente le indicazioni ricevute, ha accreditato l’importo di 992 euro. Ricevuta la somma i truffatori, non paghi, hanno inviato altri messaggi con i quali hanno richiesto ulteriori 990 euro, operazione non andata a buon fine esclusivamente perché la vittima aveva raggiunto il plafond della propria carta. A quel punto i truffatori si sono resi immediatamente irreperibili ed irrintracciabili. Ricevuta la notizia, i Carabinieri di Loano hanno intrapreso un’articolata attività d’indagine risalendo all’intestataria dell’utenza telefonica e della carta prepagata, che però è risultata essere un’ignara donna umbra, anch’essa truffata da un falso impiegato INPS che ne aveva carpito le generalità ed i documenti, intestandole fittiziamente i beni utilizzati per frodare l’81enne savonese. Le successive indagini hanno comunque permesso di risalire agli odierni indagati ed a deferirli all’Autorità Giudiziaria.

Analogo epilogo per un 38enne ed una 21enne, entrambi campani, denunciati ad inizio mese dai Carabinieri di Millesimo poiché indiziati di aver truffato, lo scorso mese di marzo, una 71enne del luogo. In questo caso i malfattori sono riusciti a carpire una buona conoscenza della situazione familiare della vittima. La truffatrice, infatti, ha eseguito un primo contatto telefonico mediante un’utenza con intestazione fittizia, presentandosi con il nome della figlia e precisando altresì di trovarsi a Milano, luogo ove effettivamente vive la congiunta. Durante il breve colloquio le ha comunicato che stava usando un telefono prestatole in quanto aveva appena subito il furto della borsa con all’interno sia il telefono che il portafoglio con soldi, documenti e carte bancarie. Dopo questa prima telefonata si sono susseguiti diversi messaggi con i quali è stata esortata a recarsi in un esercizio commerciale abilitato ad accreditarle il denaro utile per ricomprare il tutto. L’anziana, preoccupata per quanto accaduto alla figlia, si è recata subito presso una tabaccheria ed ha inviato la somma di 1.800 euro sulla carta prepagata indicatale. Ottenuto il denaro, come normalmente accade, i truffatori si sono resi immediatamente irreperibili. Anche in questo caso i carabinieri, informati dell’accaduto, hanno immediatamente avviato articolati accertamenti che hanno consentito di individuare e denunciare gli indagati alla Procura della Repubblica di Savona.

Il 25 maggio scorso, invece, una 66enne cairese, incrociando un altro veicolo, ha sentito un forte rumore che l’ha indotta a fermare la marcia e accostare. Il tempo di controllare se fosse tutto a posto e l’altro automobilista l’ha raggiunta e accusata di avergli danneggiato lo specchietto durante la marcia. Copione vecchio, ma spesso ancora efficace: per evitare noie assicurative, ha consigliato il giovane, sarebbe bastato pagarlo in contanti e andare ognuno per la propria strada. Tra l’altro si sarebbe anche accontentato di poco, appena settanta euro. La cairese però, poco convinta da quel segno sullo specchietto, ha deciso di chiamare il suo assicuratore per sentire cosa ne pensasse e, a quel punto, il ragazzo si è immediatamente allontanato.

Un tentativo di truffa classico non andato in porto ma, giustamente, denunciato comunque dalla donna, scelta che ha permesso ai Carabinieri della Stazione di Cairo Montenotte di individuare l’autore del tentativo con una rapida indagine svolta attraverso l’esame delle telecamere cittadine sul presunto percorso dell’uomo. Il 25enne calabrese, già denunciato per altri reati contro il patrimonio, è stato quindi deferito all’Autorità Giudiziaria savonese per la tentata truffa.

Un caso non così grave, ma utile a mettere in guardia da questi inganni che, nonostante passino gli anni, paiono non passare mai di moda.

I procedimenti sono attualmente nella fase preliminare, i provvedimenti finora adottati non implicano la responsabilità degli indagati, non essendo stata assunta alcuna decisione definitiva da parte dall’Autorità Giudiziaria” precisano per tutti i casi dal Comando Provinciale Carabinieri di Savona.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *