Attualità Savona

Savona, 14 denunce e 39.000 euro di sanzioni per abbandono di rifiuti

ll Nucleo Operativo Edilizia e Ambiente (NOPEA) della polizia locale di Savona ha intensificato i controlli volti a disincentivare l’abbandono irregolare dei rifiuti.

I servizi hanno riguardato in particolare Villapiana, Legino 167 e le zone limitrofe all’Ospedale San Paolo, dove da tempo si registra con maggiore frequenza tale fenomeno, un fenomeno, sottolineano dal Nucleo “particolarmente grave se si pensa che, oltre al danno ambientale, chi commette tali illeciti cagiona anche un danno economico alla collettività, considerando gli ingenti costi di presa in carico del rifiuto abbandonato, smaltimento e bonifica dell’area interessata”.

Il NOPEA ricorda che recenti aggiornamenti legislativi prevedono nei casi più gravi il deferimento all’autorità giudiziaria del privato oltre che delle aziende e anche il Regolamento comunale stabilisce che anche i proprietari degli immobili in ristrutturazione sono obbligati, in solido con le ditte edili, a smaltire correttamente i rifiuti di risulta da cantiere o il vecchio mobilio.

“Questa attività del nucleo della polizia locale è particolarmente preziosa ed utile – afferma l’assessore Barbara Pasquali – e sta dando i suoi frutti. I componenti svolgono indagini anche di particolare complessità per le quali si avvalgono anche dell’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza nei confronti di ditte che sversano rifiuti nell’ambiente, anche di natura pericolosa. E’ obiettivo dell’Amministrazione nel corso del 2024 incrementare sempre di più le azioni volte alla lotta dell’abbandono dei rifiuti sia da parte di privati che di ditte”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *