Cultura e Spettacoli Imperia e provincia

Sanremo e la rivoluzione sostenibile negli eventi della città

Il Comune di Sanremo sta abbracciando sempre più una nuova era di sostenibilità ambientale attraverso una serie di azioni innovative che integrano la conservazione dell’ambiente con eventi tradizionali.

L’ultimo, in ordine temporale, è il Corso Fiorito durante il quale i carri sono stati valutati dalla giuria anche per la loro sostenibilità ambientale, senza dimenticare che gli agrumi del carro di Mentone utilizzati per la decorazione sono stati donati all’Emporio solidale: ogni frutto, infatti, è stato fissato alla struttura con un elastico e quindi è rimasto perfettamente integro.

A gennaio, invece, l’evento che ha catturato l’attenzione di residenti e visitatori è stata la piantumazione degli alberi di Natale: un vero e proprio impegno per la conservazione ambientale, finalizzata alla creazione di nuovi polmoni verdi e alla lotta contro il cambiamento climatico.

I 9 abeti posizionati in piazza Borea d’Olmo durante le festività natalizie hanno trovato una nuova collocazione a San Romolo, mentre gli abeti consegnati a San Tecla ai Rengers d’Italia hanno un nuovo spazio nella pineta di Poggio.

A febbraio, in occasione del Festival, si sono riutilizzati piante e prato verde, una soluzione innovativa che ha permesso di attivare un circolo virtuoso e limitare lo spreco. In modo pratico e sostenibile, si possono migliorare le aree verdi, contribuendo così alla conservazione delle risorse e alla promozione di uno stile di vita ecologico.

 L’assessore all’ambiente Sara Tonegutti dichiara: “Questi eventi sono solo alcuni delle molte iniziative che Sanremo sta portando avanti per promuovere la sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale. Sono iniziative importanti perché dimostrano come sia possibile promuovono la sostenibilità riducendo l’impatto ambientale dell’evento. E’ proprio tramite questi eventi che, tutti insieme, possiamo contribuire a Sanremo sempre più green”.

La città si conferma un esempio di come gli appuntamenti turistici e la conservazione dell’ambiente possano essere armoniosamente integrate – aggiunge l’assessore al turismo Giuseppe Faraldi – dimostrando che è possibile celebrare il turismo e la natura in modo solidale e sostenibile. Un turismo quindi caratterizzato da un approccio più etico e responsabile”.

Nell’arco di un anno – conclude l’assessore al verde pubblico Mauro Menozzi – sono stati piantumati circa 250 nuovi alberi in città. Nel caso specifico di San Romolo, proprio questa mattina sono stati piantumati anche alcuni castani. Inoltre, sempre a San Romolo, recentemente sono stati posizionati nuovi giochi a molla e nuovi tavoli pic-nic, mentre quelli esistenti hanno subito un trattamento specifico di conservazione. Si è anche provveduto a sostituire le recinzioni in legno perimetrali al prato, mentre presto verranno posizionati nuovi cestini gettacarta”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *