Albenga Cronaca

Albenga, donna di 63 anni rapina una farmacia con lo spray al peperoncino: arrestat

I carabinieri di Albenga hanno arrestato una donna di 63 anni, responsabile di rapina, lesioni personali e furto con destrezza. Verso le ore 20, la centrale operativa ha ricevuto una chiamata di emergenza dalla dottoressa di turno della farmacia San Michele di via Medaglie d’Oro, che ha segnalato di aver appena subito una rapina.

Immediatamente sono state inviate due pattuglie che, giunte sul posto, hanno appreso che poco prima una donna era entrata nell’esercizio commerciale e, con fare disinvolto, si era diretta verso un registratore di cassa al momento non in uso, senza essere inizialmente notata.

Le due farmaciste di turno, accortesi di quanto stava accadendo, si sono avvicinate alla signora, la quale, vedendosi scoperta, ha afferrato quanto poteva raggiungere e ha chiuso rapidamente il cassetto del denaro cercando di fuggire. Data l’immediata bloccatura delle vie d’uscita da parte delle due dipendenti, la ladra non ha esitato ad estrarre dalla tasca una bomboletta di spray al peperoncino e a spruzzarlo verso le contendenti, accecandole e assicurandosi così la via di fuga.

Dopo aver appreso quanto accaduto e aver visionato i video di sorveglianza interna al locale, i carabinieri si sono immediatamente messi sulle tracce della donna, individuandola pochi minuti dopo in una via adiacente, già a bordo della propria autovettura e intenta ad allontanarsi. Portata in caserma ad Albenga e sottoposta a perquisizione, la 63enne è stata trovata in possesso di alcune centinaia di euro in banconote di piccolo taglio e delle chiavi del registratore di cassa.

Le indagini immediate hanno altresì permesso ai militari di accertare che la stessa rapinatrice, poche ore prima, aveva compiuto un furto con destrezza presso una tabaccheria cittadina. Infatti, una volta distratto e allontanato dalla cassa il titolare con una richiesta banale, aveva allungato la mano e sottratto dal cassetto del denaro un centinaio di euro, per poi dileguarsi per le vie urbane.

Al termine delle procedure di rito, la 63enne è stata portata presso il carcere di Genova Pontedecimo a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Savona.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *