Attualità Cronaca Genova In Primo Piano Savona Vado Ligure

Genova, la protesta contro il rigassificatore arriva davanti alla sede della Regione Liguria

Sono oltre 40 tra gruppi civici, comitati, associazioni, partiti e sindacati di base le organizzazioni riunite nel coordinamento per il “No al rigassificatore” che si sono date appuntamento questa mattina davanti alla sede della Regione a Genova, in via Fieschi, non solo per esprimere la propria contrarietà all’impianto nel savonese ma anche in favore “di una diversa politica energetica sostenibile” e contro il progetto dell’installazione della Golar Tundra davanti alle spiagge di Savona.

“Questa imposizione “nazional-Regionale” è inaccettabile perché: non costituisce una vera transizione ecologica; viene giustificata assumendo per dogma un’emergenza energetica non dimostrata nei fatti e nei numeri; allunga i tempi di sudditanza dalle fonti energetiche fossili; è pericolosa per le caratteristiche della nave che non è adatta a essere utilizzata in mare aperto in esposizione offshore;  è dannosa alla salute in un territorio già martoriato su questo piano; è incompatibile con le attività del turismo e dell’agricoltura del territorio, è un attentato all’ecosistema marino, terrestre circostante, è incompatibile con altre attività produttive limitrofe.

“Giù le mani dal nostro mare” e altri slogan sono stati  lanciati a pochi minuti dall’inizio del consiglio regionale previsto proprio su questo tema, successivamente in Piazza De Ferrari, girotondo di protesta intorno alla fontana.

Foto: Ludovica Schiaroli

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *