Economia

Regione Liguria, “Garanzia Artigianato”: estese le agevolazioni a fondo perduto anche alle attività femminili

“Regione Liguria rafforza il proprio sostegno al settore dell’artigianato, estendendo, a partire dal prossimo 8 maggio, le agevolazioni a fondo perduto previste da ‘Garanzia Artigianato Liguria’, lo strumento da 11,8 milioni in favore dell’accesso al credito delle imprese, anche alle attività femminili, con un contributo a copertura del 60% dell’investimento effettuato“.

A dirlo è l’assessore regionale allo Sviluppo economico, assieme alle associazioni di categoria e al sistema camerale, a seguito dell’approvazione della delibera di giunta che modifica il regolamento della misura rientrante nelle azioni 3.6.1 e 3.1.1 del Por Fesr 2014-2020.

Non solo, con questa nuova modifica al regolamento, allunghiamo al 30 settembre il termine di conclusione e rendicontazione degli interventi e omologhiamo lo strumento a quello del commercio, consentendo a tutte le imprese artigiane di accedere a un massimo di 20 mila euro a fondo perduto per il rinnovo del proprio parco automezzi con veicoli meno inquinanti a seguito della rottamazione di mezzi a benzina euro 0 e 1 e diesel fino a euro 3. E in più – aggiunge l’assessore – estendiamo la medesima agevolazione alle attività del settore che investono per la tutela ambientale e l’uso più razionale delle risorse, incluse le misure volte all’efficientamento energetico e all’impiego di fonti di energia rinnovabili“.

Si ricorda che “Garanzia Artigianato Liguria”, con una retroattività al 5 agosto 2019, prevede a favore delle imprese artigiane strumenti come la riassicurazione, che opera sulle garanzie rilasciate dai Confidi convenzionati con il gestore; l’abbattimento dei costi collegati alla concessione della garanzia per la quota del 3% dell’importo su cui la stessa insiste; la sovvenzione in forma di contributo interessi/canoni pari, per la quota dell’operazione finanziaria ammessa, agli interessi risultanti da un piano di ammortamento sviluppato al tasso del 2%; un contributo a fondo perduto, nella misura del 50% (60% per alcune categorie) del finanziamento agevolato e fino ad un importo massimo di 20 mila euro, a favore delle imprese del settore in possesso di determinati requisiti.

Al pari delle imprese femminili – ricorda l’assessore – mantengono la possibilità di accedere all’agevolazione a fondo perduto al 60% dell’investimento le imprese under 35 o neo costituite, al 50% quelle in possesso del marchio ‘Artigiani in Liguria’ o ubicate nei comuni dell’entroterra“.

Il pacchetto di incentivi ammette spese per acquisto, costruzione, ampliamento e ammodernamento dei locali; acquisizione di rami d’azienda; acquisto di attrezzature e macchinari nuovi e usati; acquisto di software, brevetti e servizi reali, spese per estero; acquisto di scorte e circolante.

Favorire liquidità e investimenti: una priorità – sottolinea il segretario generale della Camera di Commercio, Marco Casarino, a nome del sistema camerale ligure – per tutte le piccole e medie aziende artigiane. ‘Garanzia Artigianato Liguria’ lo attesta: il fatto che ci sia stato un così grande ricorso a questo strumento denota una ripresa della propensione ad investire da parte delle piccole imprese: presupposto di sviluppo perché laddove si investe si generano occupazione e reddito“.

Con il potenziamento da parte di Regione Liguria delle misure previste da questo provvedimento – prosegue Casarino – si rafforza ulteriormente il settore. Il pacchetto d’incentivi a disposizione offre, tramite il fondo perduto o l’accesso a prestiti a tassi meno onerosi, l’opportunità di migliorare la competitività dell’azienda tramite tante tipologie di investimento: rinnovo mezzi e attrezzature, efficientamento energetico, acquisto di software o servizi. Sottolineo, infine, l’importanza della collaborazione costante tra Regione, sistema camerale ligure e associazioni per traguardare al meglio gli obiettivi di crescita del territorio“.

Le modifiche approvate – sottolinea Luca Costi, segretario regionale Confartigianato Liguria – dimostrano una grande attenzione al mondo dell’artigianato da parte dell’assessore Benveduti. L’estensione dei contributi in conto capitale alle imprese femminili, all’acquisto e ristrutturazione degli immobili e all’acquisto di automezzi a seguito di rottamazione, nonché la realizzazione di investimenti ambientali e di efficientamento energetico, consentiranno a migliaia di artigiani liguri di avere un altro sostegno concreto per lo sviluppo della loro attività“.

Accogliamo positivamente i cambiamenti al fondo Garanzia Artigianato Liguria – commenta il presidente di Cna Liguria Massimo Giacchetta –. Le imprese per rilanciarsi hanno bisogno di strumenti che permettano di attingere a dei finanziamenti a tassi agevolati. Soprattutto in settori strategici come l’imprenditoria femminile, le energie rinnovabili e la mobilità. Se noi vogliamo sviluppare la nostra regione in questi settori servono strumenti, dunque, siamo lieti di accogliere questa iniziativa regionale“.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *