104 News

Pesca, perso dalla fine di settembre l’80% delle giornate di lavoro

A causa del maltempo

Grido d’allarme del settore pesca da Imperia a La Spezia per i danni causati dal prolungato maltempo con mareggiate che hanno costretto i pescatori a restare fermi dalla fine di settembre per l’80% delle giornate di pesca a strascico, lampara, tremagli e palamiti. “Una situazione disastrosa – spiega Augusto Comes responsabile della Federcoopesca – Confcooperative di Liguria e Toscana – con decine di imprese della piccola pesca, miticoltura e acquacoltura ancora in attesa dei risarcimenti della mareggiata della fine ottobre dello scorso anno e nuovamente colpite da fenomeni eccezionali. Inoltre i nubifragi e le piene di Magra, Vara, Petronio e Entella a Levante e delle decine di torrenti nel ponente hanno trasportato in mare tonnellate di detriti che causano danni alle attrezzatura da pesca”. Le associazioni di categoria si stanno battendo – dice Comes – per far riconoscere a Ministero dell’Ambiente e Protezione Civile i danni subiti dai motopesca, perché sono considerati beni mobili esclusi dal risarcimento”. (ANSA)

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi