Trekking alle Cinque Terre: il sentiero 506 tra Manarola e Corniglia


Belle spiagge per gli amanti del mare, sentieri con viste mozzafiato per gli appassionati del trekking: ce n’è per tutti. A cosa serve fare chilometri e lunghe ore di viaggio se abiti in Liguria?

 Riscopriamo la regione del pesto, della focaccia, delle bandiere blu e dei monti alle loro spalle. Questa volta vi racconto di un cammino che forse non tutti conoscono tra Manarola e Corniglia, due delle splendide Cinque Terre.

Per una giornata alla scoperta di uno dei luoghi più belli del Levante genovese, il mezzo più comodo è sicuramente il treno (se è una domenica e se c’è un bel sole, il parcheggio sarà introvabile). Il mio piano originario era di arrivare a Riomaggiore e di proseguire verso Monterosso a piedi, cercando di raggiungere più località possibili. Che utopia. Dopo una visita al centro cittadino e dopo aver scattato qualche bella foto, la via più veloce e panoramica sarebbe stata la cosiddetta “Via dell’amore”, frequentatissima e a ridosso della costa. Chiusa per frana. L’altra soluzione è quindi spendere altri quattro euro per il biglietto del Cinque Terre Espress (il costo è uguale se fate una o tutte le fermate da Levanto a La Spezia, quindi valutate) fino alla città seguente, Manarola.

Un altro percorso per poter arrivare a Corniglia, la “terra di mezzo” c’è e si tratta del sentiero 506, che poi si unisce al 586 e al 587. Percorrendo la lunga salita della via principale della città, giunti alla chiesa romanica di San Lorenzo, bisogna seguire le indicazioni col numero del sentiero (anche segnalato con la scritta “Panoramico Volastra”), identificato con una striscia bianca e una rossa. È un sentiero molto meno turistico, non da esperti ma comunque molto trekking.

La prima metà del viaggio (circa un’ora/un’ora e mezza) è praticamente tutta in salita e alti gradini in pietra. Questo perché Corniglia si trova in posizione sopraelevata rispetto al mare: invece di percorrerla dal basso per poi alzarsi con i 377 scalini della “Lardarina”, il sentiero 506, che supera i 600 metri di altitudine, ci arriva dall’alto per poi scendere. Poco dopo, le prime sorprese: tra antichi e giovani vigneti e terrazzamenti in pietra, si elevano le famose case color pastello che spiccano in modo unico nel verde della vegetazione che le circonda. Sposti di qualche centimetro lo sguardo e una distesa di mare limpido e apparentemente infinito completa il quadro. I colori, ragazzi, guardate i colori.

 Consiglio: durante la salita, un gentile agricoltore mette a disposizione bevande zuccherate per recuperare la stanchezza, offerta libera. Nelle belle giornate, il sole e il caldo potrebbero essere i tuoi peggiori nemici.

Si prosegue nel viottolo in sterrato fino a Volastra, un micro paesino nel bosco dove ci si può riposare un po’ all’ombra. Al termine della parte in salita (sì, fin qui è tutta salita), sarà disponibile una fontanella per rifornirvi d’acqua. Oltrepassiamo qualche abitazione in pietra e rimbocchiamo il sentiero. Da lì in poi comincerà la discesa, immersa nella macchia mediterranea e quindi protetta dal sole. Questo è il sentiero 586 che porta a Corniglia, meno panoramico ma che in meno di un’ora vi porterà nella terza delle Cinque Terre.

C’è la possibilità di proseguire direttamente per Vernazza con il sentiero 587 (il Sentiero Azzurro qua è accessibile ma a pagamento). Se il cammino è stato faticoso e non riuscite a proseguire, potrete utilizzare le ultime ore a disposizione a oziare  in spiaggia a Corniglia (lo so, ho detto che è sopra il livello del mare, ma ovviamente le baie ci sono anche qui). Salendo e scendendo per il paese, troverete alcune indicazioni, talvolta un po’ sbiadite, che in poco tempo vi porterà a qualche spiaggia nascosta.

Si onsiglia questo sentiero meno “trafficato” con la raccomandazione di tenerlo da subito in considerazione come unico passaggio pedonale tra Manarola e Corniglia.

Valentina Foti

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi