Cultura e Spettacoli In Primo Piano

Festival di Sanremo 2018, nei giovani festeggia Ultimo

Sanremo. Et….voilà: Ultimo arriva primo, fin troppo facile l’incipit. Niccolò Morriconi tira fuori dal cappello la vittoria nelle nuove proposte del Festival. La canzone “Il ballo delle incertezze” strega tutte le giurie possibili e immaginabili e sbanca la finale di venerdì. Finalmente Sanremo fa Sanremo con le classifiche che contano, le supergiurie, i vincitori; gli sconfitti e il pubblico quasi sempre divergente rispetto al verdetto.
Con la canzone “Il ballo delle incertezze” abbiamo ben chiara una cosa: nella vita non c’è niente di certo. Di questo Ultimo, ce ne dà un chiaro significato ribadendolo a più riprese e dicendolo senza tanti fronzoli: Allegria! Ultimo mette in fila Mikoeilcane e Mudimbi e riceve il premio alle 23.33. Il premo della sala stampa Lucio Dalla va ad Alice Caioli con “Specchi rotti” mentre il Premio della Critica Mia Martini va a Mirkoeilcane.
Ma è anche la serata dei duetti, questa. L’apertura con la versione rock della canzone di Heidi francamente non era mai entrata neppure nei peggiori incubi di ciascuno di noi, ma è una parentesi che vola via sotto l’incalzare degli eventi che si sviluppano nella gara-lampo delle giovani proposte che ripropongono i loro pezzi. Fra i venti duetti dei big ricorderemo quello semi-stralunato de “Lo Stato Sociale” che porta sul palco Paolo Rossi con il Piccolo Coro dell’Antoniano, tutti con le stesse faccette sorridenti da una vita ma l’agguato per loro sta nel ritornello che contiene la parolaccia “coglioni!” Di questa serata resterà anche l’eleganza della coppia Renzo Rubino e Serena Rossi che sulle note di “Custodire”peccano un po’ nella dinamica: lui che guarda lei mentre canta e viceversa è una cosa stravista; Le Vibrazioni cantano “Così sbagliato” impreziosendolo con le cesellature di Skin. Anche Paola Turci e Noemi seguono un clichè trito e ritrito: la pianista che ad un certo punto smette di suonare per affiancare l’altra metà artistica a centro palco. Annalisa canta “Il mondo prima di te” con Michele Bravi: bravi, appunto!
La prima ospite musicale è Gianna Nannini: semplicemente…”Fenomenale”, ma da quel palco nessuno se ne va senza aver prima duettato con Baglioni in una canzone del suo repertorio: ormai è una tassa. “Amore Bello” è l’omaggio alle casse SIAE del Cludione nazionale. Altri duetti, quelli dei Decibel con Midge Ure; Peppe Servillo con gli Avion Travel accompagnano Enzo Avitabile e il suo “Coraggio di ogni giorno”; Ermal Meta e Fabrizio Moro duettano con Simone Cristicchi che vinse nel 2007; Red Canzian in coppia con Marco Masini eseguono “Ognuno ha il suo racconto”. Facchinetti e Fogli schierano Giusi Ferreri per eseguire “Il segreto del tempo”.
Commuove il premio alla carriera assegnato a Milva e ritirato dalla figlia Martina Corgnati. Il tributo di Piero Pelù a Lucio Battisti e la giornalista Federica Sciarelli chiudono la serata. Pensierino della notte: i tre re maghi che si esercitano nell’arte della conduzione nella terza serata hanno sfiorato il miracolo stabilendo il miglior dato di ascolto della terza serata negli ultimi 19 anni, di nuovo: Allegria!.