Economia

Tirreno Power proclamato sciopero generale

Le Segreterie Nazionali Filctem Flaei Uiltec a seguito dell’esito negativo del tentativo preventivo di conciliazione svoltosi in data 16 maggio 2016 innanzi al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Divisione III^ Direzione Generale Relazioni Industriali) a motivo di contrasto della mancata presentazione di un piano industriale da parte di Tirreno Power per la ripresa delle attività produttive a salvaguardia dell’occupazione dei propri dipendenti, a pochi mesi dalla scadenza degli ammortizzatori sociali attualmente applicati a tutto il personale, e a seguito di una prima dichiarazione di sciopero per lo scorso 31 maggio, la quale non ha sortito novità positive riguardo l’oggetto della vertenza: proclamano lo sciopero nazionale di tutti i lavoratori di Tirreno Power, con le modalità di seguito riportate:
Personale giornaliero (reparti manutenzione, uffici, unità di staff, unità specialistiche, ingegneria, ecc) 

  • Sciopero dell’intera giornata di martedì 28 giugno 2016

Personale turnista addetto alla conduzione degli impianti di produzione e all’esercizio dei servizi ad essi collegati: 

  • per il personale in turno e semiturno della c.te di Vado Ligure lo sciopero di 24 ore partirà dal turno montante del mattino di martedì 28 giugno;
  • per il personale in turno e semiturno della c.te di Torrevaldaliga lo sciopero di 24 ore partirà dal turno montante del mattino di martedì 28 giugno 2016;
  • per il personale in turno e semiturno della c.te di Napoli lo sciopero di 24 ore partirà dal turno montante del mattino di martedì 28 giugno 2016

 
Personale di esercizio disponibile o comunque di giornata: 

  • Sciopero dell’intera giornata di martedì 28 giugno 2016

Tutto il personale giornaliero comunque impiegato si asterrà dalle prestazioni straordinarie dal 22 giugno al 10 luglio 2016.
Durante lo sciopero sono comunque garantite le prestazioni di cui all’accordo sulla regolamentazione del diritto di sciopero nel settore elettrico e sono esentati i lavoratori ivi previsti; i lavoratori reperibili nella giornata interessata dallo sciopero, pur avendo diritto di sospendere la normale prestazione, hanno l’obbligo di assicurare la reperibilità, qualora vi sia pregiudizio per la sicurezza in osservanza delle normative vigenti, garantendola durante il periodo orario dello sciopero stesso.

Informazioni sull'autore del post