Attualità In Primo Piano Savona

Savona, Primo Maggio: CGIL,CISL UIL: “Cambiare le leggi che hanno creato precarietà”

Malgrado la pioggia si è regolarmente svolto il corteo del Primo Maggio a Savona. Prima del corteo, le orazioni di rito si sono svolte nell’atrio del Palazzo Comunale, presenti Daniela Barbaresi, segretaria confederale nazionale di Cgil, Patrizio Lai di Uil e del sindaco di Savona Marco Russo. Sicurezza, precarietà, lavoro giovanile e femminile sono stati i temi affrontati insieme a quello della Sanità.

“Il lavoro è uno dei temi fondanti della nostra Costituzione e democrazia. E’ anche uno dei più sfidanti perché la qualità del lavoro, la dignità del lavoro, la tutela del lavoro, la sicurezza del lavoro, l’assenza di lavoro, il lavoro come coesione sociale sono tutti punti che ogni anno si manifestano in modo diverso”, ha affermato MArco Russo.

Daniela Barbaresi di CGIL: “Dobbiamo ambiare le leggi che hanno cercato precarietà. Siamo stanchi di indignarsi e piangere i morti. Dobbiamo farci carico della nostra vita ma anche dei nostri colleghi. Se serve ribellarsi dobbiamo ribellarci, se serve dire no dobbiamo dire no. Se la gente muore da così tanti anni vuol dire che non è un’emergenza ma una consuetudine”.

“I lavoratori sono quelli che ci stanno lasciando la vita più delle altre persone nei posti di lavoro e lì bisogna continuare a combattere per a sicurezza, per migliorarli.  Le parti sociali, le leggi, i governi, i Prefetti stanno facendo di tutto per cercare di fermare questa piaga perché è una vera guerra”, ha detto Patrizio Lai di UIL.

Il corteo, partito da Piazza Sisto IV si è concluso in Piazza Mameli dove è stata deposta una corona di alloro al monumento ai caduti.

 

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *