Cronaca Genova In Primo Piano

Genova dice addio a Flavio Repetto: fondò il gruppo dolciario Novi-Elah-Doufour

E’ morto il Cav. Flavio Repetto, capo del Gruppo Dolciario Novi-Elah-Doufour. Aveva 92 anni ed era nato l’11 dicembre 1931 a Lerma (Alessandria). Nel 1945 si trasferisce con la famiglia a Genova dove lavora da cameriere e studia come ragioniere ai corsi serali, diplomandosi e trasferendosi a Roma nel 1950. A soli 23 anni è direttore della Filiale di Roma della Comtometer, un’impresa americana di impianti contabili. Nel 1956 torna Lerma e inizia un’attività in proprio: costituisce l’azienda vinicola Vallechiara per l’imbottigliamento del vino della sua terra.

Nel 1975 acquisisce la maggioranza della SIBETO, Società di imbottigliamento e distribuzione della Coca Cola, costruendo un nuovo stabilimento a Biella. Successivamente, nel dicembre 1982, acquistò la Doufour insieme ad un altro marchio di prestigio in ambito dolciario, la Elah;  nel 1985 rilevò la Novi, antica fabbrica di cioccolato.

Nel 1999 rileva il prestigioso marchio “Baratti & Milano”, industria nata nel 1858 a Torino e che rappresenta il gotha europeo del dolciario. Con “Baratti”, il gruppo di Repetto rileva l’omonimo caffè in piazza Castello a Torino, tra i più prestigiosi locali storici d’Italia. Il 15 febbraio del 2007 Flavio Repetto è eletto Presidente della Fondazione Carige che ha il controllo della Banca Carige, di cui rimane nel consiglio di amministrazione. Nel 1985 Sandro Pertini, allora Presidente della Repubblica, gli conferisce l’alta onorificenza di Cavaliere al merito del lavoro, mentre nel 2004 il Magnifico Rettore dell’Università di Genova gli conferisce la laurea Honoris Causa in Ingegneria Meccanica.

Nel 2007 riceve il Candy Kettle Award, l’oscar europeo dell’industria dolciaria. Tanti gli interessi del Cavalier Repetto anche in campo editoriale perchè salvò e risanò “Il lavoro” che diventerà il supplemento locale del quotidiano “la Repubblica” e la Casa Editrice Marietti 1820 di Genova.

 

 

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *