Attualità Genova

Genova, Anna Maria Coluccia vince il premio “Cronista 2022”

Il consiglio direttivo del Gruppo Cronisti Liguri ha conferito tre premi a cronisti che si sono distinti nel corso dell’anno nell’attività professionale. Ad aggiudicarsi il “premio cronista 2022” è stata Annamaria Coluccia, giornalista politica del Secolo XIX. Annamaria da più di trent’anni segue le vicende di palazzo Tursi e del consiglio comunale e con le sue inchieste e i suoi approfondimenti è risultata in tutti questi anni una vera “watchdog” dell’attività dell’amministrazione. L’altro premio, quello in memoria di Alfredo Provenzali fondatore del gruppo Cronisti è stato assegnato al collega Andrea Ferro di Radio 24. Ex cronista di nera del “Corriere Mercantile”, pubblicò per primo le fotografie del blitz dei carabinieri nel covo dei brigatisti in via Fracchia. Dopo la chiusura della storica testata genovese lavora per una delle più importanti radio nazionali per la quale ha svolto decine di servizi come inviato e conduce trasmissioni televisive sul mondo degli autotrasporti. Il terzo riconoscimento, dedicato a Natalino Famà, ex presidente del GCL prematuramente scomparso, è andato a Mariangela Bisanti, giornalista di Rai Tgr Liguria che ha realizzato un’interessante inchiesta sul mondo delle carceri. Il reportage a puntate è stato curato da Mariangela Bisanti con le riprese del tecnico Rai Graziano Notaro e ha fornito uno spaccato di quello che avviene all’interno delle case circondariali della nostra regione.

Il consiglio direttivo ha deciso anche di assegnare un premio speciale al “Comitato parenti vittime di Ponte Morandi”. Si tratta del gruppo di familiari delle 43 persone che hanno perso la vita nel crollo del viadotto e che da quel giorno, il 14 agosto del 2018, cercano di avere giustizia.

I riconoscimenti saranno consegnati il 15 dicembre alle ore 11.30 nella sala de La Claque in vico San Donato dove sarà proiettato “Cronaca di un anno di Cronaca 2022”, il videofilm dei fatti più importanti dell’anno.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *