Albenga Cultura e Spettacoli

Le Giornate FAI 2022 per le scuole nel Seminario e nella Biblioteca Diocesana. Il successo di una proposta semplice e concreta

Quest’anno le Giornate FAI per la scuola si sono svolte nel Seminario Vescovile di Albenga, al cui interno vive ed opera attivamente la Biblioteca Diocesana “Mons. A. Piazza”. La scelta del luogo è stata motivata dalla finalità di scoprire una struttura che cela meraviglie storiche ed artistiche di tutto rispetto e che mantiene inalterata nel tempo la propria vocazione ad essere custode e promotrice di istruzione e cultura. La proposta ha riscontrato un notevole successo: hanno aderito venticinque scolaresche provenienti dalle scuole di Albenga: l’Istituto Comprensivo Albenga 1, l’Istituto Comprensivo Albenga 2 e il Centro Scolastico Diocesano “Redemptoris Mater”. Le Giornate, inizialmente programmate per il periodo dal 21 al 26 novembre, sono state prorogate – a causa delle numerose adesioni – al 2 dicembre.

Gli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado che hanno partecipato all’evento hanno seguito un percorso che si è snodato attraverso alcuni luoghi particolarmente significativi del Seminario: la Chiesa, la Biblioteca, la sala conferenze, le aule scolastiche, il refettorio, il giardino. La visita a questi spazi è stata anche l’occasione per ricordare la figura e l’opera di monsignor Angelo Cambiaso, promotore della costruzione del “nuovo Seminario”. Per i bambini della scuola per l’infanzia, invece, si è optato per un itinerario “green”, dedicato alla conoscenza dei numerosi alberi presenti nella parte esterna del complesso. Alcune visite sono state guidate dagli “Apprendisti Ciceroni”, alunni che hanno esposto le particolarità della struttura ad altri allievi della loro stessa classe. Più di cinquecento presenze ed il coinvolgimento attivo di molti insegnanti hanno favorito la buona riuscita di un’iniziativa importante, dedicata ai giovani, attenta al loro bisogno di conoscenza del territorio e delle meraviglie che ci circondano.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *