Cultura e Spettacoli Genova

Famiglie e cultura, al Galata da tutta Europa. «Genova riferimento internazionale per i musei a misura di bambino»

Trenta musei da tutta Europa. Più di cento ospiti internazionali, dall’Albania alla Finlandia. E i protagonisti del mondo della cultura genovese: come Palazzo Ducale, Castello d’Albertis, il Museo Diocesano, i Musei civici di Genova. Si sono riuniti tutti insieme a Genova nel convegno internazionale “Museums and families for change”, parte di un progetto europeo guidato dalla Rete Lilliput di Genova e ICSC-Europe, che punta a ripensare il concetto di museo per renderlo luogo di cittadinanza attiva anche per le famiglie, in modo da spiegare temi complessi anche ai più piccoli.

Per tre giorni, dal 28 al 30 settembre, il Galata Museo del Mare è così diventato crocevia internazionale dei musei a misura di famiglie e bambini grazie ai tre protagonisti del progetto: il MUMA-Galata Museo del Mare di Genova, sul tema delle migrazioni; il Museum Our Lord In the Attic di Amsterdam, sul tema della libertà di culto; il War Childhood Museum di Sarajevo, sul tema della guerra vista con gli occhi dei bambini.

Il ruolo di crocevia però non è finito, perché ora Genova punta a mantenere questa posizione anche in futuro. “Vorremmo che questo raduno di voci diverse da tutta Europa e non solo diventi un appuntamento fisso, per poter parlare sempre di più del ruolo fondamentale dei musei per la crescita personale e il cambiamento sociale», spiega soddisfatta Elisa Moretto della Rete Lilliput. «A Genova si sono riuniti musei diversi tra loro, da quelli più tradizionali ai cosiddetti “Sites of conscience”, ovvero siti della memoria e della coscienza, sino ai children museums. E’ idea comune tra tutti gli operatori che un

appuntamento fisso potrà aprire un dialogo costruttivo e sensibilizzare le istituzioni per remare tutti verso un obiettivo comune di inclusività e ampliamento della fruizione culturale dei musei”.

Parte del progetto è intanto già diventata patrimonio della città. Il MUMA-Galata Museo del Mare (così come il Museum Our Lord In the Attic di Amsterdam e il War Childhood Museum di Sarajevo) negli scorsi mesi hanno allestito un percorso ideato dalla Rete Lilliput. Le tappe sono individuabili tramite un segnale con un animale guida nel museo (a Genova, per esempio, si tratta di una sterna bianca, uccello migratore) in cui le famiglie potranno giocare e conoscere meglio i temi del museo grazie al kit Lilliput, tradotto anche in olandese e bosniaco.

Ecco gli operatori presenti nel convegno al Galata Museo del Mare: Museo Consentia Itinera (Calabria)      ; Fondazione Musei Civici Venezia; LAC Lugano        (Svizzera, Canton Ticino); MUSE Firenze; Museo diocesano di Reggio Calabria (Calabria);  MAMBO di Bologna; Sladovna Písek (Repubblica Ceca) ZOOM Kindermuseum (Vienna, Austria), Our Lord in the Attic            (Amsterdam, Paesi Bassi); War Childhood Museum   (Sarajevo, Bosnia); Cultural Heritage Without Borders (Tirana,        Albania);        Finnish Labour Museum        (Helsinki, Finland); Monte Sole Peace School  (Bologna);     National Museum of Resistance and Freedom (Peniche, Portogallo);   Ulster Museum        (Belfast, Regno Unito); Gernika Gogoratuz      (Gernika-Lumo, Spagna); Museum of Free Derry            UK (Belfast, Regno Unito); Memorial Democràtic         (Barcellona, Spagna) Museo Diocesano di Genova; Palazzo Ducale di Genova; Museo della Ceramica di    Savona; PLEIADI Verona  ; Musei Reali di Torino; MUMA     Genova; Veneranda Fabbrica Duomo di Milano            Milano            ; Musei Civici  di Genova;  Icom Italia; Amei; Aiem.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *