Cronaca In Primo Piano

Regione, il sistema sanitario ligure si sta preparando a “Vaccine -Day”

Il sistema sanitario regionale si sta preparando per la somministrazione delle prime 320 dosi assegnate alla Liguria dalla struttura per l’emergenza Covid del commissario Domenico Arcuri per il ‘Vaccine day’ del 27 dicembre in programma nel padiglione 3 dell’ospedale San Martino di Genova.

Le prime dosi andranno ad una rappresentanza delle categorie previste per la prima fase del percorso di vaccinazione anti-Covid: medici, infermieri, personale sanitario, amministrativo, medici e pediatri di famiglia, personale delle pubbliche assistenze. Sono state inoltre individuate due rsa genovesi per la vaccinazione di un centinaio di persone tra ospiti e personale: si tratta di Villa Marta di Betania a Genova e di Villa Costalta a Mele (comune di Genova).

Regione Liguria sta inoltre predisponendo tutte le azioni necessarie per attivare la prima fase della vaccinazione che interesserà circa 60.000 persone e dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno; le 60.142 dosi saranno così distribuite nei 14 presidi di somministrazione (Asl 4 avrà un presidio unico per la somministrazione):

ASL 1

Ospedale di Sanremo: 2.322

Ospedale Bordighera: 1.040

Ospedale Imperia: 2.720

ASL 2

Ospedale Savona: 4.469

Ospedale Cairo Montenotte: 836

Ospedale Pietra ligure: 4.499

ASL 3

Ospedale Evangelico Voltri: 2.300

Ospedale Galliera: 5.776

Istituto G. Gaslini: 3.273

Ospedale Policlinico San Martino: 8.894

Ospedale Villa Scassi: 12.438

ASL 4

Ospedale Sestri Levante: 5.417

ASL 5

Ospedale Sarzana: 2.562

Ospedale La Spezia: 3.596

Logistica e organizzazione: ogni punto di somministrazione avrà a disposizione farmaci, presidi farmacologici e strumentali per la gestione di eventuali emergenze.

Celle frigorifere: per la prima fase non esistono criticità in quanto, ad oggi, la capacità di stoccaggio per i prodotti Pfizer è di 700.000 dosi. Nel complessivo piano di vaccinazione la dotazione capillare ed estensiva di apparati di refrigerazione dedicati potrà rendere ancora più efficace il processo di meccanismo vaccinale. Per questo, le azioni messe in campo per l’acquisizione di ulteriori frigoriferi per la conservazione a bassa temperatura mirano a garantire almeno un apparato per ogni presidio. L’Istituto superiore di sanità attiverà la formazione a distanza per gli operatori addetti alla campagna di somministrazione; ogni azienda metterà a disposizione un referente per rispondere ad eventuali chiarimenti sul tema della vaccinazione.

Preparazione e diluizione del vaccino per somministrazione rsa (extra-situ): il gruppo di lavoro in materia di vaccinazioni anti-Covid ha ritenuto opportuno che le dosi vengano preparate e diluite direttamente in loco. È in corso la predisposizione di una procedura ad hoc, condivisa a livello regionale, per garantire che il processo avvenga nel massimo rispetto dei requisiti e della tecnica asettica previsti.

Registrazione dei soggetti vaccinati: in questa prima fase la registrazione delle vaccinazioni avverrà attraverso l’utilizzo di un tracciato dedicato dell’Anagrafe vaccinale regionale. Alisa riceverà un flusso giornaliero di informazioni che provvederà a inoltrare alla struttura ministeriale competente.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *