104 News

Savona, coronavirus: una cinquantina i senza tetto in città

La misura, che riveste carattere meramente emergenziale, sarà oggetto di verifica in itinere circa l’efficacia

La sindaco di Savona, Ilaria Caprioglio e l’assessore alle politiche sociali, Ileana Romagnoli, affermano: “In applicazione delle direttive dei diversi DPCM e ordinanze che si sono succedute in materia di contenimento dei contagi da Covid 19, nella nostra Città risulterebbero presenti circa 50 persone senzatetto.

Per far fronte a tale emergenza si propone che, nell’ambito delle attività svolte attraverso il Patto di Sussidiarietà siglato fra il Comune di Savona e la Fondazione, sia temporaneamente ampliato il servizio di accoglienza notturna di persone senza fissa dimora.

La modalità di ampliamento (ulteriori 20 posti letto, presso i locali del Seminario Vescovile di Savona, che dispone di stanze e servizi adeguate a tale scopo) sarà effettuata applicando le opportune misure di prevenzione ed estendendo la fruibilità dei locali e degli spazi attigui per l’intera giornata, nell’ottica di ridurre la presenza immotivata di persone per le strade cittadine.

Fatti salvi eventuali ulteriori indirizzi circa le misure igienico sanitarie da parte del servizio di igiene pubblica della ASL 2 savonese, vista la delibera di Giunta Regionale della Liguria n. 222 del 17 marzo 2020, unitamente al parere in merito alla fattibilità dell’intervento, rilasciato dal Direttore Sociosanitario di Alisa si comunica che è possibile dar corso all’ampliamento.

Preliminarmente all’avvio del servizio, dovranno essere messe in atto tutte le misure di sicurezza e di prevenzione richiamate nei DPCM e relativi allegati e dalla normativa intercorsa in tema di emergenza COVID 19, in particolare sul rispetto delle distanze interpersonali, oltre all’attivazione di un monitoraggio da parte di un medico volontario messo a disposizione dalla Fondazione. 

La misura, che riveste carattere meramente emergenziale, sarà oggetto di verifica in itinere circa l’efficacia, soprattutto circa il miglior controllo degli spostamenti inappropriati in città da parte dei senzatetto o almeno di buona parte di loro, disposti ad accettare la proposta. 

La durata dell’intervento, fatti salvi aggiornamenti derivanti da ulteriori disposizioni normative, è fissata alla data del 3 aprile 2020″.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi