Cronaca In Primo Piano Savona

Savona, arriva il circo e le polemiche: l’Amministrazione comunale risponde al M5S

La Campania per prima ha approvato il divieto per il circo con animali

La notizia è che a Savona dal 6 al 23 marzo arriverà il circo con animali in Piazza del Popolo e diventa un caso politico. E’ il M5S a puntare il dito: “A settembre 2019 il Consiglio Comunale aveva approvato all’unanimità un emendamento al regolamento sugli spettacoli viaggianti affinchè i circhi rispettassero delle norme a tutele degli animali. I circhi hanno bisogno dell’autorizzazione del comune sia nel caso stazionino in aree pubbliche che in aree private e che il Sindaco, non potendo vietare in via assoluta i circhi, può richiedere spazi minimi vitali per ogni animale talmente ampi da impedire lo stazionamento del circo e provocarne la rinuncia”.

Sul tema si è espressa anche Accademia Kronos: “Da ieri Savona è tappezzata di locandine che preannunciano l’arrivo del Circo Millennium dal 6 fino al 23 marzo, sbandierando la presenza degli “amici a 4 zampe dai 5 continenti” cit. la legge 175 del 2017 prevede un graduale superamento della presenza degli animali nei circhi e nelle attività dello spettacolo viaggiante”.

“Questo per arrivare ad azzerare lo sfruttamento degli animali che, sia che siano nati in natura sia che siano nati in cattività, vivono in sofferenza, perché è la paura che li fa esibire. Per gli animali il circo è privazione dei comportamenti fondamentali e naturali di ogni singola specie. Gli animali non scelgono di esibirsi di vivere, in gabbia, di essere trasportati per chilometri e sono ridotti a burattini nelle mani dei domatori”.

“Grande esempio di civiltà giunge dalla regione Campania che per prima ha approvato il divieto per il circo con animali dando seguito ai decreti legislativi previsti dalla legge. Chiediamo al sindaco di Savona Ilaria Caprioglio di intervenire con un’ordinanza contingibile urgente al fine di vietare l’utilizzo degli animali in spettacoli viaggianti e circensi dimostrando in questo modo la volontà di allinearsi a quanto decretato per legge e contribuendo a far sì che questa barbara usanza arrivi ad una veloce fine”.

Non ha tardato ad arrivare la risposta dell’Amministrazione comunale: “Nell’ambito del territorio comunale non sono previsti spazi pubblici dedicati all’attività circense. Il regolamento comunale sugli spettacoli viaggianti, al titolo 4 (circhi) all’art. 10, detta disposizioni precise e puntuali sulle condizioni da rispettare nello svolgimento delle attività circensi con la detenzione e l’utilizzo di animali. Il regolamento è consultabile nel nostro sito istituzionale al link dedicato ai regolamenti. Tale disciplina, voluta fortemente da questa amministrazione, ha dettato delle norme stringenti al fine di tutelare il benessere e la salute degli animali“.

Resta in capo, comunque, al servizio veterinario dell’Asl 2 l’obbligatoria verifica del rispetto della normativa specifica sugli spazi e sulla detenzione degli animali“.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *