Politica

Chiusura distaccamento polstrada Finale, Chirivì (FdI): “E’ un errore”

“Comprendiamo le difficoltà di bilancio e le esigenze di razionalizzazione delle risorse, ma se la dotazione del personale è numericamente bassa, la soluzione è quella di lavorare per aumentarla

Il Direttivo Provinciale di Fratelli d’Italia commenta la notizia della chiusura del distaccamento di Polizia Stradale di Finale Ligure. Afferma Alessandro Chirivì: “La paventata chiusura della sezione della Polstrada di Finale Ligure è un errore. Come Fratelli d’Italia siamo contrari ad ogni chiusura di distaccamenti delle Forze dell’Ordine; le sezioni locali sono di fondamentale importanza per il contrasto alla criminalità e per il presidio di sicurezza che ne deriva, a tutela dei cittadini e dei turisti del ponente ligure. E’già stata presentata presso il Consiglio Regionale della Liguria dall’amico Assessore Gianni Berrino un ordine del giorno con il quale si impegna le Regione Liguria ad intervenire presso il Ministero dell’Interno al fine di evitare questa chiusura. Il nostro territorio durante la stagione turistica vive un grandissimo incremento di popolazione e non è possibile demandare alle altre Forze dell’Ordine, già oberate di lavoro ed alle quali va sempre il nostro ringraziamento per tutti i loro sforzi per garantire ordine e sicurezza, la totalità del controllo stradale”. 

“Comprendiamo le difficoltà di bilancio e le esigenze di razionalizzazione delle risorse, ma se la dotazione del personale è numericamente bassa, la soluzione è quella di lavorare per aumentarla, non di chiudere i reparti e diminuire i servizi. Fratelli d’Italia sarà sempre dalla parte dei cittadini, che non devono vedere diminuito il loro livello di sicurezza, e dalla parte degli uomini e delle donne delle Forze dell’Ordine, che il Governo deve mettere in condizione di lavorare con mezzi, strumenti, dotazioni di personale e stipendi adeguati alla responsabilità che assolvono ogni giorno sulle strade rischiando la loro incolumità per la sicurezza di tutti”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *