104 News

Liguria, 110 mila nuove assunzioni ma mancano profili

E’ nell’ambito del “Saper fare”, cioè le attività artigianali e manuali, che è previsto il maggior numero di assunzioni

Le aziende liguri nel 2019 hanno programmato 109.770 assunzioni, ma fanno fatica a trovare le figure che stanno cercando: quasi 30 mila sono “difficili da reperire”. E’ nell’ambito del “Saper fare”, cioè le attività artigianali e manuali, che è previsto il maggior numero di assunzioni (46.320) ma 13.850 posizioni, il 30%, si trovano con fatica: i più richiesti sono meccanici e montatori di macchinari industriali.
    Nel filone della Blue economy, dove i più richiesti sono camerieri, cuochi e baristi (19 mila), su 27.500 “entrate” complessive previste, 5.885 sono in forse: mancano addetti alla ristorazione ma pure montatori, riparatori e attrezzisti navali (ne cercano 420), marinai (600) e operai nei trasporti marittimi.
    Nell’impresa 4.0 la situazione è ancora più complessa: su 30.760, sono difficili da trovare 10.200 persone: le imprese chiedono 1.800 tecnici della vendita e della distribuzione con elevate capacità digitali ma ne mancano quasi metà e non si trovano neppure analisti e progettisti di software, senza contare nuove figure come il cyber security architect, il big data specialist, l’Iot engineer.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi