Il presidente Cristiano Cavaliere e il consigliere Fabio Siriani
In Primo Piano Sport

CESSIONE SAVONA CALCIO IL TEMPO E’ SCADUTO. Il margine delle trattative è oramai al lumicino e i tempi sono risicatissimi

La famosa firma dell’attuale dirigenza biancoblù capitanata dal presidente del Savona Cristiano Cavaliere per la cessione della società al gruppo milanese rappresentato dall’ex dirigente del Milan Roberto Patrassi non sarebbe (il condizionale è d’obbligo) arrivata entro il termine di oggi. L’ultimo imposto dagli acquirenti per chiudere il discorso, dopo settimane di trattative. Cavaliere, già nell’ordine di idee di cedere, anche per l’ostilità dimostratagli dalla piazza negli ultimi mesi, secondo alcune voci trapelate nelle ultime ore, sarebbe stato convinto dal ds Roberto Canepa e dal braccio destro Fabio Siriani a tenere duro, per proseguire insieme l’avventura in biancoblù, pur tra mille difficoltà economiche e tecniche, visto che la squadra (quale?) dovrebbe partire per il ritiro la prossima settimana. Sembrerebbe che le parti non abbiano trovato l’accordo economico per coprire i debiti che ammonterebbero a un milione e duecentomila euro, anche se quelli con l’erario che rappresentano più della metà dell’ingente cifra sono dilazionabili. Ora le speranze di un passaggio di consegne sono prossime allo zero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *