Economia

L’amministratore delegato Fiorentino: “Per Carige serve stabilitá”

“La banca in questo momento ha bisogno di stabilità. Come manager lavoro perché ci sia. Elementi che possano creare instabilità non sono l’ideale, ma poi naturalmente ognuno gestisce i propri diritti garantiti dal codice e capisco che il diritto possa vincere sull’opportunità. Ho scambiato qualche opinione con Mincione e mi ha confermato che è entrato perché condivide il piano di rilancio. Mi sembra che gli azionisti vogliano tutti la stessa cosa: magari se si parlassero potrebbero andare d’accordo”. Lo afferma Paolo Fiorentino, amministratore delegato di Carige. Su Malacalza, “i rapporti con l’ingegnere sono improntati a una dialettica impegnativa che entrambi consideriamo costruttiva. Nessuno dei due ha agende personali”, dichiara Fiorentino.

Informazioni sull'autore del post