Cultura e Spettacoli

Salone del Libro di Torino, la cultura ligure alla ribalta

“Il Salone del Libro di Torino 2024 ha portato ulteriormente alla ribalta la cultura il cantautorato, la scrittura, la poesia, l’arte, l’agroalimentare in una piazza internazionale e specialistica. Un grande lavoro che non sarebbe stato possibile senza la straordinaria dinamicità e l’esperienza degli editori liguri che hanno animato il nostro stand”. Così il presidente ad interim della Liguria traccia il bilancio della partecipazione della Regione al Salone Internazionale del Libro di Torino.

Sono stati 110 i relatori che hanno animato per cinque intense giornate il programma proposto dall’editoria ligure alla XXXVI edizione della manifestazione, dove la Liguria è stata per la prima volta Regione ospite. Oltre ai tre grandi eventi nelle sale del Lingotto, sono stati 60 quelli ospitati nella scenografica “Sala Liguria” sotto il coordinamento di Fondazione De Ferrari ETS.

Si è parlato di arte, cultura, storia, attualità, divulgazione scientifica, comicità, personaggi, gastronomia e territorio, oltre che, naturalmente, di narrativa e poesia. A conquistare i lettori sono stati soprattutto i titoli legati alla cucina tipica e al territorio (outdoor e guide turistiche), ma anche alla critica letteraria e alla saggistica, a conferma dell’attrattività della Liguria e dell’autorevolezza delle sue penne nel panorama librario.

“Grande soddisfazione degli editori liguri – commenta il coordinatore Fabrizio De Ferrari, editore – per il successo delle iniziative, ma anche per le vendite degli oltre 500 titoli proposti al pubblico nella splendida piazzetta ligure ricostruita, con tutti i suoi colori e profumi, sotto la Mole. Maurizio Maggiani, Ilaria Bonacossa, Mario Paternostro, Matteo Fochessati sono stati alcuni degli autori e relatori che hanno animato il programma di presentazioni seguito con interesse dal numeroso pubblico dello stand che è anche stato coinvolto con gli eventi musicali di Fabio Armiliato, Sandro Giacobbe e i Trilli. Non sono mancati le letture e i reading poetici, i laboratori e gli incontri dedicati agli studenti tra cui la costruzione di un libro d’arte xilografico e un focus sul Mediterraneo e la sua fauna”.

Tanti i temi declinati nel corso dei 36 panel che si sono svolti tra la “Sala Liguria” e gli auditorium del Salone del Libro. I grandi eventi programmati da Regione Liguria hanno infatti parlato di Cantautorato, con ospite Gino Paoli, di Poesia con Elisabetta Pozzi e Federico Sanguineti, e della Comicità di Paolo Villaggio, con Enzo Paci, Gianni Fantoni e la figlia Elisabetta. Un affresco di personaggi illustri inaugurato già dal primo giorno di fiera da Jean Blanchaert, autore dei 100 volti della Liguria che hanno colorato le pareti esterne della “Sala Liguria”.

Le varie iniziative di Regione Liguria hanno visto coinvolti i Comuni di Genova, Bordighera, Casarza, Moneglia, Ospedaletti, Sarzana, e altri enti e istituzioni ed enti, tra i quali l’Università degli Studi di Genova, l’Accademia Ligustica di Belle Arti, l’Acquario di Genova, il Casinò di Sanremo, CNA e i numerosi Premi e Rassegne culturali della Liguria. All’edizione 2024 della kermesse hanno partecipato anche le 40 classi delle scuole liguri, per oltre 700 allievi, arrivate a Torino grazie all’iniziativa ligure ‘Orientamenti’.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *