Andora, sopralluogo di Comune e Provincia in Via Piangrande


Per definire i possibili interventi da realizzare in tempi brevi per favorire il rispetto dei limiti di velocità sulla strada provinciale di collegamento con l’entroterra andorese

Sopralluogo congiunto di Comune di Andora e Provincia di Savona in via Piangrande per definire i possibili interventi da realizzare in tempi brevi per favorire il rispetto dei limiti di velocità sulla strada provinciale di collegamento con l’entroterra andorese.

Il Consigliere provinciale delegato alla Viabilità Luana Isella, accompagnata da alcuni funzionari e tecnici della Provincia, dal sindaco di Andora, Mauro Demichelis, dal Consigliere Corrado Siffredi e dall’ingegner Nicoletta Oreggia, ha visitato vari punti della strada. I tecnici hanno effettuato rilievi e misure verificando le varie possibilità di intervento in base alle caratteristiche dell’arteria stradale che collega con l’entroterra.

“Sono state valutate tutte le soluzioni attuabili in questa strada, un rettilineo lungo e ampio che vede gli automobilisti poco propensi al rispetto dei limiti di velocità – ha spiegato il Consigliere delegato alla Viabilità Luana Isella – Un primo intervento progettabile e realizzabile in tempi brevi dalla Provincia è la posa di tre passaggi pedonali rialzati, di cui uno all’altezza del semaforo, l’allargamento e la definizione delle zone destinate a parcheggio lungo la carreggiata e il potenziamento della segnaletica orizzontale. Questa prima fase non ne esclude altre più articolate e sempre  finalizzate ad una viabilità più controllata e sicura” – ha aggiunto il Consigliere Isella.

“Ringrazio la Provincia di Savona per la sensibilità dimostrata verso questa problematica e la disponibilità a lavorare in tempi brevi all’installazione di passaggi pedonali rialzati che obblighino gli automobilisti al rispetto dei limiti – ha dichiarato il sindaco Mauro Demichelis – Il sopralluogo non ha escluso di poter mettere in atto in futuro soluzioni viarie più articolate, già attuate con successo all’estero, come nella vicina Francia.

Condividi ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi