Albenga

A rischio le aree dell'ex stabilimento Testa di Albenga. Scatta l'ordinanza

Albenga. Abbandonato da cinque anni, l’ex stabilimento Testa di Leca d’Albenga è ora un rischio a causa dello stato di abbandono in cui si trova. A certificarlo è un rapporto dei vigili urbani che hanno indotto il Comune ad emanare un’ordinanza che concede 15 giorni di tempo agli attuali proprietari per risolvere i problemi che si sono manifestati. Tra questi, i danni alla recinzione confinante con l’area del Mobilificio Fiorin, la messa in sicurezza del muro lungo via Al Piemonte, la potatura degli alberi a ridosso dello stesso muro, in presenza del rischio che i rami cadano sulla sede stradale. Ma è tutta l’area che appare degradata con la crescita incontrollata di vegetazione e problemi igienico-sanitari provocati dalla presenza di rettili e roditori, in una zona abitata.
I proprietari, la società Talea Spa (immobiliare di Coop Liguria) e la Cooperativa Dipendenti Fiat di Vado Ligure, sono stati sollecitati ad intervenire. Nel caso fossero inadempienti, provvederà d’ufficio l’Amministrazione comunale, che ha segnalato comunque la situazione anche all’Asl e alla Prefettuira. L’ex fabbricato dell’industria farmaceutica Testa (trasferita nel frattempo a Bastia) dovrebbe essere trasformato in struttura commerciale e residenziale, ma l’iniziativa è frenata dall’andamento negativo del mercato immobiliare.

Informazioni sull'autore del post