Albenga Cultura e Spettacoli

Albenga, tutto pronto per la finale del Festival della Canzone in Lingua Ligure

Si concluderà questa sera, sabato 8 giugno, a San Giorgio di Albenga, nell’area Michettin, il 23esimo Festival della Canzone in Lingua Ligure, ideato da Elmo Bazzano e continuato dalla figlia Silvia.

Ieri sera le prime esibizioni di dieci solisti e sei gruppi. La giuria, composta da sette personalità del mondo musicale e dello spettacolo, darà il verdetto finale proclamando i vincitori assoluti delle due categorie e i premiati cadetti.

Nella prima serata sono stati consegnati i riconoscimenti per la loro carriera all’attore e regista teatrale Giorgio Caprile, al mago Gabriele Gentile e al cantante genovese Michele Maisano.

Il “Festival San Giorgio” della Canzone in Lingua Ligure ha come obiettivi principali: il recupero e il rafforzamento del ricco patrimonio storico e culturale dell’intera regione; l’avvicinamento dei giovani a questa forma di spettacolo e il rinnovamento del repertorio musicale attraverso proposte innovative.

È importante sottolineare che il Festival è l’unico in Italia dedicato a canzoni inedite composte appositamente per l’evento, tutte in vernacolo ligure. Il verdetto sulle performance musicali spetterà a una giuria composta da musicisti e conoscitori della lingua ligure.

“E’ un grande onore dirigere il “Festival San Giorgio” della Canzone in Lingua Ligure, conosciuto anche come Festival di Albenga, grazie al comune che appoggia l’evento – spiega la direttrice artistica Silvia Bazzano -. L’emozione più grande è sapere che a prescindere dalla partecipazione al Festival, gli artisti si organizzano per incontrarsi, vivendo l’evento come una gita scolastica. A partire dal venerdì pomeriggio col checksound fino alla premiazione del aabato, come nel rugby si crea il terzo tempo, dove i musicisti suonano insieme fuori dal palco senza competizione, come una festa improvvisata aspettando l’inizio della serata, coinvolgendo inevitabilmente anche il pubblico già presente”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *