Attualità Genova

Partirà a luglio il servizio estivo educativo del Comune di Genova per i bambini da 0 a 6 anni

Anche per quest’anno il Comune di Genova offre alle famiglie degli alunni iscritti alle scuole comunali il servizio educativo estivo, che partirà nel mese di luglio e si svolgerà per quattro settimane.

Sarà possibile iscriversi ai centri estivi dal prossimo 10 giugno, attraverso la piattaforma online, accedendo al sito istituzionale del Comune di Genova, mediante il seguente percorso: Servizi online- IoGenitore-Scuola iscrizioni servizi 0-6. L’accesso può avvenire attraverso Spid, Carta d’identità elettronica (CIE) e Carta nazionale dei Servizi (CNS).

 

Le sedi scolastiche scelte sono 34, equamente distribuite tra asili nido e scuole dell’infanzia. Per i nidi: Centro ovest Camelot, Aquilone, Fabbrica; Centro est Sarzano e San Donato; Bassa Val Bisagno Arcobaleno, Rondine; Val Polcevera Scoiattolo e Bruco; Medio ponente Castello Raggio e Mongolfiera; Ponente Nuvola e Gabbiano; Medio Levante Filastrocca; Levante Erba voglio; Media Val Bisagno Cicogna e Cantaegua.

 

Per le scuole dell’infanzia: Centro est Bertoncini e S. Luigi; Centro ovest Tollot occidentale e Mazzini; Media Val Bisagno Peter Pan e Mimosa; Valpolcevera Rivarolo e Garrone; Medio Ponente Govi e Guido Rossa; Ponente Villa Letizia e Villa Sciallero; Medio levante Rodari e Albaro; Levante Villa B. Brea e Tina Quaglia; Bassa Val Bisagno Glicine. Sono state selezionate le sedi maggiormente adeguate al periodo e alle attività estive, ovvero quelle caratterizzate da ampi spazi aperti e accoglienti, garanzia di sicurezza per i genitori nell’arco di tutta la giornata. I centri estivi si svolgeranno per quattro settimane nel mese di luglio, mantenendo l’orario scolastico invernale, con possibilità di anticipo e posticipo su richiesta delle famiglie.

 

«Come ogni anno- dichiara l’assessore alle Politiche dell’Istruzione del Comune di Genova– con l’apertura dei centri estivi abbiamo garantito un servizio essenziale per le famiglie genovesi, di sostegno e aiuto per la continuità didattica alla chiusura delle scuole. I bambini, infatti, hanno bisogno di socializzare, di sviluppare talenti e passioni, soprattutto quelle extra scolastiche e per questo le attività scelte avranno una impostazione non solo strettamente educativa, ma anche ludico- ricreativa, ampliando così gli orizzonti dell’offerta formativa, con attività di gioco e di intrattenimento. Una opportunità anche emotiva ed esperenziale per i nostri bambini, che tiene conto delle loro esigenze e del loro benessere, che per noi è la cosa più importante».

 

Il numero dei posti offerti dal servizio per l’anno 2024 è di 676 per gli asili nido e 1.050 per le scuole dell’infanzia. Il servizio sarà gestito con personale educativo comunale (su base volontaria), con personale qualificato appartenente a cooperative assegnatarie di procedura di gara ad evidenza pubblica e con personale di sostegno.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *