Economia Genova e provincia

Rapallo, presentato agli operatori alberghieri il Dms, software con licenza ministeriale di promozione e vendita di servizi turistici

L’assessore regionale al Turismo ha presentato oggi a Rapallo agli operatori alberghieri lo strumento unitario e integrato Dms (Destination Management System) che il ministero del Turismo a fine 2023 ha assegnato ad uso gratuito alla Liguria e ad altre quattro regioni previa graduatoria pubblica. Si tratta della prima tappa di una serie di iniziative che coinvolgeranno tutte le province liguri.

Fornito da un’azienda specializzata, il software Dms per tre anni consentirà di testare e utilizzare un sistema che permette a tutti gli operatori della Liguria di promuovere e vendere alloggi ed esperienze turistiche direttamente online, di gestire in modo integrato, attraverso moduli interconnessi, l’informazione, l’accoglienza, la promozione nonché l’eventuale prenotazione e commercializzazione dell’offerta turistica regionale mediante la completa integrazione dei servizi privati con quelli pubblici. Ciò consentirà di mappare e digitalizzare i contenuti e le offerte turistiche delle destinazioni di maggiore interesse sul territorio nonché di promuovere un riuso efficiente delle informazioni sul patrimonio storico, artistico e culturale.

“Naturalmente la tecnologia da sola non sarà sufficiente – ha spiegato l’assessore regionale al Turismo – e pertanto parallelamente cercheremo di lavorare sul modello di governance turistica per definire un sistema di gestione della destinazione che permetta di coinvolgere tutti gli operatori, facilitando la collaborazione e valorizzando le iniziative di organizzazione e gestione turistica già in essere come ad esempio le Dmo (‘Destination management organization’ ovvero Associazioni di più soggetti per lo sviluppo turistico di un determinato territorio). Sono certo che questa sia un’ottima iniziativa: dagli operatori del settore mi aspetto idee e proposte per rendere questa occasione una opportunità di crescita e di sviluppo per tutto il sistema economico regionale”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *