Cronaca Savona

Savona, la Polizia scorta una giovane mamma a partorire al San Paolo: la storia di Greta

Nella tarda serata di giovedì una pattuglia della Polizia di Stato Sottosezione Polizia Stradale di Carcare durante un’attività di controllo al casello di Savona, un’auto si è accostata e il conducente di nome Fabio, in stato di agitazione ed in forte stato emotivo, riferiva che a bordo era presente la moglie che avrebbe dovuto partorire a breve.

Sul veicolo, oltre la donna in avanzato stato di gravidanza, vi era un’amica che si dichiarava ostetrica e che riferiva alle scriventi che la partoriente aveva “l’utero dilatato”.

Fabio riferiva che, residenti in Valbormida, in considerazione dell’imminente parto, erano immediatamente partiti con la propria vettura privata alla volta dell’Ospedale San Paolo di Savona e, strada facendo, viste le condizioni giudicate dall’ostetrica, avevano richiesto l’intervento del 118 affinché giungesse un’ambulanza al Casello A10 di Savona per raggiungere più rapidamente il nosocomio.

Dopo aver rassicurato il giovane e la moglie, senza pensarci un attimo, le poliziotte, valutato che l’attesa dell’ambulanza avrebbe probabilmente creato situazione di pericolo per la madre ed il nascituro, facevano da “staffetta apripista” azionando i dispositivi supplementari di allarme.

Nello stesso momento veniva notiziato l’Operatore Radio della Sala Operativa della Sezione Polizia Stradale di Savona, il quale si attivava contattando il personale del pronto soccorso per avvisare dell’arrivo e accelerare i tempi di accettazione.

Arrivati in pochi minuti a destinazione la neo mamma veniva affidata alle cure del personale medico e pochi minuti dopo il ricovero nasceva la piccola Greta.

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *