Attualità

Regione Liguria, individuati i criteri di ripartizione dei proventi delle tasse regionali da assegnarsi agli Ambiti Territoriali di Caccia

Individuati con delibera di Giunta, su proposta del vice presidente con delega all’Agricoltura e alla Caccia Alessandro Piana, i criteri di ripartizione dei proventi delle tasse regionali da assegnarsi agli Ambiti Territoriali di Caccia e ai Comprensori Alpini, secondo la normativa vigente (legge regionale 29/1994, articolo 42, comma 2).

“Abbiamo seguito i vincoli specifici di destinazione – spiega l’assessore Alessandro Piana – delle tasse di concessione regionale per il rilascio dell’abilitazione all’esercizio venatorio e di quelle per gli appostamenti fissi e le aziende faunistico-venatorie. I criteri specifici individuano infatti le modalità di assegnazione delle risorse vincolate relative alla quota non inferiore al 25% della somma assegnata per l’espletamento delle loro funzioni. Ai singoli Ambiti Territoriali di Caccia o Comprensori Alpini verrà destinata pertanto una quota non inferiore al 35% in rapporto al numero dei cacciatori residenti, non meno del 40% in rapporto al territorio agro-silvo-pastorale venabile e il restante su necessità particolari come spese straordinarie connesse alla gestione dell’eradicazione della peste suina africana. Per quanto riguarda invece i criteri specifici di assegnazione della quota del 10% destinata per legge alla gestione delle zone di divieto di caccia e delle oasi di protezione della fauna selvatica metà verranno assegnati in rapporto al numero dei cacciatori residenti e metà in rapporto al territorio agro-silvo-pastorale venabile di ciascun Ambito Territoriale di Caccia o Comprensorio Alpino”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *