Attualità Genova e provincia

Bargagli, rimane chiusa la strada statale 45, circa 400 le persone isolate

Rimane chiusa la statale 45 nel comune di Bargagli, interessata da un’ampia frana che, staccandosi dalla sovrastante carreggiata della comunale per Viganego, ha interrotto la circolazione subito dopo località La Presa isolando le frazioni di Viganego, Cisiano e Terrusso. Al momento risultano isolate circa 400 persone, raggiungibili solo a piedi attraverso un sentiero. Nel pomeriggio è in programma un nuovo incontro tra Regione Liguria, con la Protezione civile e la direzione Aree interne, Comune di Bargagli e tecnici di Anas per monitorare l’evoluzione della frana e dei lavori di ripristino, oltre che per mettere a punto un piano che garantisca l’assistenza sanitaria in caso di emergenza e l’approvvigionamento di generi di prima necessità.

“Dal sopralluogo di questa mattina è emersa una situazione più delicata del previsto, anche perché il terreno è impregnato d’acqua e le previsioni meteo per i prossimi giorni non sono buone – dichiara l’assessore alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone – Il versante è crollato coinvolgendo prima la comunale per Viganego per poi riversarsi sulla sottostante statale 45. I rocciatori sono al lavoro per capire quanto materiale sia ancora appeso alla parete e come farlo scivolare via via a valle, in modo da ripristinare almeno in parte la viabilità sulla comunale per poi, di conseguenza, poter riaprire in sicurezza la statale 45. Ora la priorità è l’assistenza alle persone isolate: insieme all’assessore Gratarola stiamo predisponendo un piano per garantire un presidio sanitario che possa gestire le emergenze e, dato che la chiusura durerà almeno qualche giorno, anche per gestire le altre esigenze della popolazione. Faremo un punto oggi pomeriggio con il sindaco e gli operatori del 118 regionale proprio su questo tema; nel frattempo sono già in campo i nostri volontari di Protezione civile e i guardiaparco, in un’efficiente collaborazione per assistere gli abitanti. Si tratta di un grosso disagio, soprattutto visto il periodo pasquale – conclude Giampedrone – ma stiamo facendo il possibile per arrivare ad una soluzione”.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *