Economia Savona

Savona, Bypass Aurelia di accesso al porto. Toti: “Quest’opera è sostanzialmente completata al termine di un percorso tormentato”

“Oggi è una giornata importante. Quest’opera, con gallerie e viadotti per circa 4 chilometri, costa quasi 100 milioni di euro ed è sostanzialmente completata, al termine di un percorso molto tormentato a causa del fallimento di un’impresa e alle difficoltà per la ripartenza del cantiere. Questo dimostra quanto ancora ci sia da fare e quanto si sta già facendo per semplificare le procedure di appalto e di subentro in un Paese che oggi sta investendo 4 o 5 volte quello che nel passato si è investito in infrastrutture e in una Liguria dove si sta investendo più della media del Paese. Sono contento che gli operai stiano lavorando. È importante stabilire in modo definitivo anche il tracciato dell’ulteriore lotto che dovrà essere appaltato, in modo che questo straordinario bypass possa assorbire il traffico che ancora oggi abbiamo sul tracciato storico dell’Aurelia verso Savona. È un bypass fondamentale per questa provincia oltre che per la Città Metropolitana e per tutto il ponente, in una Liguria che cresce quasi il 2% all’anno con un carico di traffico merci e turistico importante e in crescita”. Lo afferma il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti che oggi, insieme al viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi, al Commissario straordinario di Governo Matteo Castiglioni e all’assessore regionale alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, ha effettuato un sopralluogo nel cantiere della variante alla strada statale 1 Aurelia bis per la viabilità di accesso all’Hub portuale di Savona, interconnessione tra i caselli della A10 di Savona e Albisola Superiore e i porti di Savona e Vado, i cui lavori sono stati sbloccati dopo il fallimento dell’originario appaltatore e l’avvio delle procedure commissariali. Presenti anche i sindaci di Savona Marco Russo e Albisola Superiore Maurizio Garbarini e la responsabile della Struttura territoriale Anas Genova Barbara Di Franco.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *