Attualità Genova

Genova, Piano Caruggi: nel centro storico in funzione 9 nuovi mezzi elettrici per la pulizia

 Hanno debuttato in questi giorni nei vicoli genovesi 9 nuovi veicoli elettrici a disposizione del personale di AMIU Genova.

Acquistati nel quadro del Piano Integrato Caruggi, si tratta rispettivamente di 3 veicoli leggeri e 6 ciclocarri.

I veicoli leggeri sono mezzi elettrici attrezzati con idropulitrici elettriche e impiegati per il lavaggio di strade, porticati ed ecopunti.

I ciclocarri, anch’essi elettrici, sono utilizzati dagli operatori per il trasporto del materiale necessario ad effettuare i lavaggi notturni (manichette, cartellonistica, attrezzatura varia) e, di giorno, per il trasporto di materiale utile alle attività di pulizia manuale manuale (scope, palette, sacchetti).

Se la messa in funzione dei porter era già prevista nel “pacchetto” dei 45 nuovi veicoli elettrici acquistati recentemente da AMIU Genova, i ciclocarri rappresentano una nuova integrazione per il parco mezzi dell’azienda nel segno di una maggiore sostenibilità ambientale e di una migliore qualità della vita per i residenti e per tutto il centro storico.

L’ulteriore elettrificazione del parco mezzi di AMIU Genova per il centro storico è stata resa possibile da un investimento complessivo di 3 milioni di euro finanziati dal progetto REACT EU – PON Metro Città Metropolitane 2014-2020 – Azione 6.1.4 Qualità dell’ambiente e adattamento ai cambiamenti climatici – Scheda GE6.1.2.g.

Un ambizioso percorso di ammodernamento ed evoluzione del parco mezzi di AMIU Genova in cui rientrano anche le autorimesse con nuove colonnine di ricarica.

In particolare, è già stato realizzato un nuovo impianto con 24 postazioni di ricarica monofase nel parcheggio Marina Park, a cui si aggiunge un altro ampliamento dell’impianto in via Madre di Dio nell’unità territoriale “Centro Commerciale” con 12 postazioni di ricarica, di cui 10 monofase e 2 trifase, oltre a 2 nuove postazioni di ricarica trifase per un totale di 200 kW di potenza impegnata.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *