Attualità Genova

Genova, 8 marzo: alle 18 il corteo di “Non una di meno”

“Per l’ottavo anno l’8 marzo sarà sciopero transfemminista. Dopo un 25 novembre potentissimo con più di mezzo milione di persone in piazza, l’8 marzo scioperiamo contro la violenza patriarcale in tutte le sue forme. Scioperiamo dal lavoro dentro e fuori casa, contro il carovita e i contratti indecenti, perché la lotta alla violenza patriarcale è lotta per l’autonomia, per il salario minimo e per il reddito di autodeterminazione, per un welfare universale, inclusivo e garantito, perché la cura non sia carico esclusivo del nostro lavoro gratuito o malpagato, non sia più motivo di sfruttamento e violenza”. Lo rende noto l’associazione “Non una di meno”

“Scioperiamo contro la guerra che uccide e impegna tutte le risorse nel riarmo, ci rende più poverə e cancella diritti e libertà. Scioperiamo per la Palestina libera, per un immediato cessate il fuoco contro il genocidio in atto. Scioperiamo contro un governo che criminalizza la nostra libertà e ogni forma di dissenso. Contro la volontà di militarizzare la società, rendendo più forte la violenza patriarcale Scioperiamo perché ci vogliamo vivə e liberə nelle strade, nelle case, sui posti di lavoro, attraverso i confini, per organizzare insieme la nostra rabbia, i nostri bisogni e desideri”.

“In Francia il diritto all’aborto libero e gratuito entra nella carta costituzionale, intanto in Catalunya gratis per sempre in farmacia protezioni ecologiche: coppette, mutande assorbenti. Per tuttə da 10 a 60 anni. Nuovi diritti, fatti per restare. In Liguria ci fanno assaggiare tre nuovi gusti di gelato rosa. Ci meritiamo di meglio”. Questa sera alle 18 è previsto un corteo che partirà da Piazza Caricamento per concludersi in Piazza Matteotti.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *