Attualità In Primo Piano Politica Savona

Savona, 500 in corteo per chiedere il cessate il fuoco a Gaza

Circa 500 manifestanti hanno dato vita oggi ad un corteo di solidarietà con la Palestina in guerra dallo scorso 7 ottobre con Israele. A organizzare il corteo che è partito da Piazza Sisto IV per terminare in Piazza Mameli, cono stati Il “Collettivo Posto in prima fila in un altro mondo possibile”, il “Collettivo Savona Disarmo”, “Associazione Domani”, il sindacato CUB, l’associazione culturale Liguria Palestina, Non Una Di Meno Savona, l’associazione culturale Islamica Savonese e Medicina Democratica.

 

“Dopo più di quattro mesi di bombardamenti sulla popolazione della Striscia di Gaza, con 2 milioni di sfollati – costretti a spostarsi da nord a sud senza un riparo sicuro – 30.000 morti, 70.000 feriti, ospedali e scuole distrutti, è urgente e necessario un immediato – e permanente – cessate il fuoco per permettere alla popolazione di avere nuovamente accesso ai servizi essenziali e favorire l’ingresso in territorio palestinese di tutti gli aiuti umanitari necessari”.

“In sostegno alla popolazione palestinese, siamo scesi  in piazza nella speranza che il cessate il fuoco sia l’inizio di un vero percorso di pace, a partire dal riconoscimento di pari diritti e pari dignità per tutte le persone che abitano quei territori, dopo decenni di occupazione e apartheid. Invitiamo tutte le associazioni, organizzazioni, collettività e individui che credono nella necessità di un immediato stop ai bombardamenti nella Striscia di Gaza ad aderire e partecipare, per dimostrare la nostra vicinanza alla popolazione palestinese sotto assedio”, hanno dichiarato gli organizzatori.

 

 

 

 

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *