Cultura e Spettacoli Genova

Genova, domenica 3 e lunedì 4 marzo torna la rassegna “I vini del cuore”

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna la manifestazione “I Vini del Cuore”, alla terza edizione, al Museo Diocesano di Genova. L’evento ospiterà alcune delle cantine selezionate nelle tre edizioni della guida social I Vini del Cuore con la curatela e l’organizzazione dell’Associazione Ampelos a.p.s.

Anche in questa occasione saranno presenti nuove cantine che vogliono farsi conoscere dalla community de I Vini del Cuore: ai visitatori durante la manifestazione sarà consegnata una cartolina, con cui potranno esprimere un giudizio e scegliere il proprio vino del cuore. I dieci vini più votati saranno inseriti nella quarta edizione della guida, prevista per l’autunno di quest’anno.

“L’evento rappresenta un’occasione di grande interesse per operatori di settore e appassionati – dice il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura e al Marketing Territoriale Alessandro Piana -, perseguendo un obiettivo importante e ambizioso: far conoscere sempre di più le nostre eccellenze come specchio del lavoro che sta a monte e del territorio, di cui preservano la bellezza e contrastano la fragilità. Le produzioni enoiche liguri infatti sono connotate dal connubio tra tradizione e innovazione, risultando chiari vettori di crescita nelle diverse comunità di appartenenza”.

Il programma prevede l’inaugurazione domenica 3 marzo alle 11 con la partecipazione del gruppo musicale Gilda Musicorum, che eseguirà melodie antiche, suonando in costume d’epoca. Lunedì 4 marzo dalle 9 alle 13, è previsto il congresso “Vino e Salute. Tradizioni, miti e verità scientifiche” organizzato dal Servizio di Salute Mentale Asl4 Chiavarese presso la Sala Auditorium dell’Ospedale Nostra Signora di Montallegro a Rapallo. Saranno relatori Antonio Guerci, Franco Manti, Gianluca Serafini, Pietro Ciliberti, Davide Prestia e Davide Bianchi, con la moderazione dell’ideatrice della guida social Olga Sofia Schiaffino.

“Alle cantine partecipanti- spiega Olga Sofia Schiaffino di Ampelos a.p.s -è offerta la partecipazione al progetto Wine Discover, ideato da Mihaela Cojocaru DipWSET, un’opportunità unica per far conoscere la produzione vinicola a livello internazionale: esso prevede l’incontro con i produttori, la creazione di video strutturati ad hoc per suscitare nei buyers interesse e fiducia nei confronti dei vini presentati e l’invio dei contatti delle aziende agli importatori”.

“L’obiettivo è stimolare la riflessione critica e favorire un dialogo costruttivo su come il vino, in tutte le sue sfaccettature, incida sulla nostra salute – aggiunge Francesca Santi, psichiatra della Asl4 -, senza dimenticare l’importanza delle tradizioni che spesso ne influenzano la percezione. Il convegno è concepito come un ambiente aperto alla discussione dove le diverse opinioni possono trovare spazio in un confronto scevro da pregiudizi che possono, invece, allontanare dalla possibilità concreta di progettare, costruire e promuovere iniziative utili a sostenere la fragilità e tutelare la salute della persona. La responsabilità che deve accompagnarci in ogni ambito della vita sociale merita un impegno maggiore, e la comunicazione, insieme all’educazione precoce, riveste un ruolo cruciale”.

L’ingresso alla manifestazione, che si terrà appunto domenica 3 e lunedì 4 marzo dalle ore 10 alle 19 presso il Museo Diocesano di Genova (via Tommaso Reggio 20r ), con il supporto della curatrice Paola Martini, avverrà tramite la tessera associativa Ampelos, il cui costo è di 20 euro ed è acquistabile sul sito ivdc.ivinidelcuore.it. Tessera ridotta a 15 euro per gli iscritti ad altre Associazioni del Vino (Onav, Ais, Fis, Fisar, Donne del Vino, Assosommelier etc…) e omaggio per giornalisti, Ho.Re.Ca., operatori di settore sempre previa registrazione. La tessera prevede la visita guidata su prenotazione del Museo Diocesano, diretto da Paola Martini, per scoprire un vero tesoro artistico del capoluogo ligure. La manifestazione vede il patrocinio della Regione Liguria.

Informazioni sull'autore del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *